Archivio mensile:marzo 2017

Salviamo le balene

Tra pochi giorni la flotta norvegese salperà per la sua “classica” mattanza di centinaia di balene, la maggior parte incinte, senza che nessuno ne parli. Ma se lanciamo l’allarme possiamo costringere l’Europa a chiudere i porti alle baleniere. Con l’Islanda ha funzionato, firma ora con un solo clic e rifacciamolo:

Firma ora
Annunci

…..ancora violenza……

261638_cfcff
 Al Ministro della Salute Lorenzin, Al Ministro delle Politiche Agricole Martina e ai Parlamentari italiani:

Inorriditi dalla serie di inchieste sulle violenze negli allevamenti intensivi in Italia, chiediamo che venga introdotto al più presto l’obbligo di telecamere negli allevamenti e nei macelli, la rotazione dei veterinari e che l’Italia sia in prima linea per l’introduzione dell’obbligo di etichettatura dei metodi di allevamento. Affinché il Made in Italy diventi anche sinonimo di benessere per gli animali.

Sei già membro di Avaaz? Inserisci la tua e-mail e premi “Invia”.

Salviamo le api

Le api stanno morendo mettendo in crisi l’intera catena alimentare. Ora finalmente anche il Canada potrebbe vietare uno dei pesticidi più letali. Ma le lobby della chimica vogliono impedirlo — e noi dobbiamo farci sentire, dalla parte delle api!! Aggiungi il tuo nome:

firma ora

Siamo più di 3 milioni (tu incluso!) ad aver già firmato l’appello ai governi di tutto il mondo per vietare i pesticidi api-killer, e sta diventando la più grande petizione di sempre per le api!!

Ora tocca al Canada: stanno per decidere anche loro sul divieto di un pesticida letale per le api. Il governo è sotto la pressione delle grandi aziende della chimica, ma ha aperto una consultazione pubblica tramite cui possiamo farci sentire.

Sappiamo che il Canada tiene molto alla sua reputazione internazionale, e hanno preso posizioni molto coraggiose su temi difficili, come per i rifugiati. Spingiamoli a fare lo stesso anche per le api, per il Pianeta e per la sicurezza alimentare delle prossime generazioni.

Clicca per mandare subito il tuo messaggio personale, e poi inoltra la mail qui sotto ad amici e familiari — rendiamo questo appello così forte da non poter essere ignorato!