AIDA informa

 

 

farfalle-Primavera

Calabria P.I.A. TURISMO Alberghi e Servizi

 

La Regione Calabria ha approvato due bandi per la concessione, attraverso i Pacchetti Integrati di Agevolazioni (PIA), di aiuti alle imprese del settore del turismo (attività ricettive e servizi) nell’ambito dei Progetti Integrati di Sviluppo Locale (PISL) “Sistemi Turistici Locali/Destinazioni Turistiche Locali” presentati dai Partenariati di Progetto ed approvati e finanziati dalla Regione Calabria.

In campo risorse ingenti, pari a complessivi 51 milioni di euro.

 

Fondo perduto dal 40 al 60 %, scadenza 24 marzo 2014

 

I bandi prevedono l’attivazione tramite il Pacchetto Integrato di Agevolazioni (PIA), uno strumento di incentivazione di natura integrata che, attraverso la presentazione di un unico Piano di Sviluppo Aziendale, articolato in Piani specifici singolarmente ammissibili, consente alle imprese di richiedere contributi finanziari, per:

1) Piani di investimenti produttivi;

2) Piani di servizi reali;

3) Piani di formazione.

I Piani vengono attuati con una procedura unificata di accesso, di istruttoria e di concessione.

Per entrambi i bandi, le imprese partecipanti dovranno realizzare Piani di sviluppo aziendale nell’ambito di unità produttive locali di cui detengano la piena disponibilità, nei 217 Comuni che fanno parte degli ambiti partenariali dei 17 (di cui undici in entrambi i bandi) PISL “Sistemi Turistici Locali/Destinazioni Turistiche Locali”, il cui elenco è riportato nei bandi stessi.

Ciascun piano di sviluppo aziendale deve essere organico e funzionale, da solo idoneo a conseguire gli obiettivi produttivi ed economici prefissati dall’impresa e può essere costituito anche da uno solo dei Piani specifici previsti.

In base alla tipologia di piano, le agevolazioni, nella forma di contributo in conto capitale, potranno essere concesse in regime di esenzione o in de minimis nel rispotto dei massimali previsti dalla normativa europea.

Ai fini dell’ammissibilità, i progetti non devono essere ancora avviati alla data di presentazione della domanda di agevolazione.

Il Programma del Piano di Sviluppo Aziendale deve terminare entro il 31 ottobre 2015.

 

 

Il bando, attuativo della Linea di Intervento 5.3.2.3, stanzia 41 milioni di euro per la qualificazione, il potenziamento e l’innovazione dei sistemi di ospitalità delle Destinazioni turistiche e si rivolge alle piccole e medie imprese, anche di nuova costituzione, che svolgono attività ricettiva alberghiera.

Sono finanziabili interventi per: migliorare le funzionalità e la qualità dei servizi delle strutture ricettive esistenti (anche attraverso la realizzazione di impianti e servizi connessi); realizzare nuova ricettività di alta qualità; realizzare “alberghi diffusi” nei centri storici.

SOGGETTI BENEFICIARI E CONDIZIONI DI AMMISSIBILITA’

I  Soggetti  ammissibili  alle agevolazioni  previste dai  Pacchetti  Integrati  di  Agevolazioni  per  la Qualificazione,  il  Potenziamento e  l’Innovazione  dei  Sistemi  di  Ospitalità  delle  Destinazioni Turistiche  Regionali  che  ricadono  nei PISL “Sistemi  Turistici  Locali/Destinazioni Turistiche Locali”  sono le  Piccole  e  Medie  Imprese  –  PMIper  come  definite  nell’All.1  al  Reg.  CE n. 800/2008,  costituite  in  forma  individuale,  societaria  e  cooperativa  o  in  forma  consortile,  che svolgono “Attività ricettiva alberghiera” limitatamente ai codici ISTAT ATECO 2007  “Alberghi” 55.10.00 e “Villaggi Turistici” e 55.20.10. Le PMI dovranno realizzare Piani di Sviluppo Aziendale nell’ambito di unità produttive locali, di  cui detengano la piena disponibilità, localizzate, e aventi sede in cui viene esercitata l’attività, nei  comuni  facenti  parte  degli  ambiti  partenariali  dei  PISL “Sistemi  Turistici  Locali/Destinazioni Turistiche Locali” approvati nella Fase I della Progettazione Integrata di Sviluppo Locale, di cui  alla citata DGR 19 ottobre 2012, n. 466. Per unità produttiva si intende la struttura, anche articolata su più immobili fisicamente separati ma  prossimi,  finalizzata  allo  svolgimento  dell’attività  ammissibile  alle  agevolazioni,  dotata  di  autonomia produttiva,  tecnica,  organizzativa,  gestionale e funzionale.  Nel  caso in cui l’impresa produca nello stesso luogo beni e servizi  insieme,  devono poter essere individuate,  ai  fini delle valutazioni per la concessione delle agevolazioni, due distinte unità produttive.

In dettaglio i partenariati di progetto ammissibili alle agevolazioni sono relativi alle seguenti aree:

  1. 1.In dettaglio i partenariati di progetto ammissibili alle agevolazioni sono relativi alle seguenti aree:

 

 

PROVINCIA DI CATANZARO

 

Capofila/PISL Comuni del partenariato
Provincia di Catanzaro (Capofila)

 

PISL“Natura: un ponte tra mare e montagna

 

Albi; Andali; Badolato; Belcastro; Borgia; Botricello; Catanzaro; Cerva; Cropani; Fossato Serralta; Guardiavalle; Isca sullo Ionio; Magisano; Marcedusa; Pentone; Petronà; San Sostene; Santa Caterina dello Ionio; Sant’Andrea Apostolo dello Ionio; Sellia; Sellia Marina; Sersale; Simeri Crichi; Sorbo San Basile; Soveria Simeri; Taverna; Zagarise.
Comune di Gizzeria (Capofila)

 

PISL “Costa degli Ulivi”

Curinga; Falerna; Gizzeria; Jacurso; Lamezia Terme; Maida; Nocera Terinese; San Pietro a Maida.
Comune di Gimigliano (Capofila)

PISL “Sistemi turistici del Reventino”

Amato; Carlopoli; Cicala; Conflenti; Decollatura; Gimigliano; Marcellinara; Martirano; Martirano Lombardo; Motta Santa Lucia; Platania; San Mango D’Aquino; San Pietro Apostolo; Soveria Mannelli; Tiriolo.
Comune di Squillace (Capofila)

 

PISL “Il golfo che unisce”*

 

Amaroni; Davoli; Gasperina; Montauro; Montepaone; Palermiti; Petrizzi; Satriano; Soverato; Squillace; Staletti; Vallefiorita.

 

 

PROVINCIA DI COSENZA

 

Capofila/PISL Comuni del partenariato
Comune di San Giovanni in Fiore (Capofila)

 

PISL“Lorica Hamata in Sila amena”

Aprigliano; Parenti; Pedace; Pietrafitta; San Giovanni in Fiore; Serra Pedace; Spezzano della Sila; Spezzano Piccolo; Trenta.
Comune di Scalea (Capofila)

PISL“STL Riviera dei Cedri sostenibile, accessibile e competitiva”

Aieta; Orsomarso; Papasidero; Praia a Mare; San Nicola Arcella; Santa Domenica Talao; Scalea; Tortora; Verbicaro.
Comune di Amantea (Capofila)

 

PISL“Antica Temesa”

Aiello Calabro; Amantea; Belmonte Calabro; Lago; Serra d’Aiello.
Comune di Castrovillari (Capofila)

 

PISL“Attraversando natura: i luoghi dell’acqua e della storia tra il Pollino e la Valle dell’Esaro”

Acquaformosa; Altomonte; Castrovillari; Civita; Firmo; Frascineto; Laino Borgo; Laino Castello; Lungro; Morano Calabro; Mormanno; Mottafollone; San Basile; San Donato di Ninea; San Lorenzo del Vallo; San Sosti; Sant’Agata di Esaro; Saracena; Spezzano Albanese.

 

Comune di Cassano allo Ionio (Capofila)

 

PISL “Sybaris terra d’incanto: mare e cultura”

Albidona; Alessandria del Carretto; Amendolara; Canna; Cassano allo Ionio; Castroregio; Cerchiara di Calabria; Francavilla Marittima; Montegiordano; Nocara; Oriolo; Plataci; Rocca Imperiale; Roseto Capo Spulico; San Lorenzo Bellizzi; Trebisacce; Villapiana.

 

Comune di Belvedere Marittimo (Capofila)

 

PISL “Welcome Costa dei cedri, porta di Apollo

Belvedere Marittimo; Bonifati; Buonvicino; Diamante; Grisolia; Maiera’; Sangineto; Santa Maria del Cedro.
 

PROVINCIA DI CROTONE

 

Capofila/PISL Comuni del partenariato
Provincia di Crotone (Capofila)

 

PISL“Madre natura, padre cultura: la provincia di Crotone tra natura, cultura, enogastronomia

Caccuri; Carfizzi; Casabona; Cerenzia; Ciro’; Ciro’ Marina; Cotronei; Crotone; Crucoli; Cutro; Isola di Capo Rizzuto; Melissa; Mesoraca; Pallagorio; Petilia Policastro; Roccabernarda; San Mauro Marchesato; San Nicola dell’Alto; Santa Severina; Savelli; Strongoli; Umbriatico; Verzino.

 

 

 

PROVINCIA DI REGGIO CALABRIA

 

Capofila/PISL Comuni del partenariato
Comune di Bagnara Calabra (Capofila)

 

PISL “Le terre della fata Morgana”

 

Bagnara Calabra; Palmi; Reggio di Calabria; Scilla; Seminara; Villa San Giovanni.

 

Comune di Santo Stefano in Aspromonte (Capofila)

 

PISL “L’Aspromonte a portata di… mare: itinerario turistico fra le terrazze sullo stretto”

Calanna; Campo Calabro; Cardeto; Fiumara; Laganadi; San Roberto; Sant’Alessio in Aspromonte; Santo Stefano in Aspromonte.

 

Comune di Gerace (Capofila)

 

PISL “Slow Life. In viaggio tra culture e nature nel Parco Nazionale d’Aspromonte, dal Tre Pizzi al Limina” *

 

Agnana Calabra; Antonimina; Canolo; Ciminà; Gerace; Mammola.

 

Consorzio Locride Ambiente (Capofila)

 

PISL “STL Locride” *

 Careri; Caulonia; Gioiosa Ionica; Grotteria; Locri; Marina di Gioiosa Ionica; Martone; Plati’; Portigliola; Riace; Roccella Ionica; Samo; San Giovanni di Gerace; San Luca; Sant’Agata del Bianco; Sant’Ilario dello Ionio; Siderno.
 

PROVINCIA DI VIBO VALENTIA

 

Capofila/PISL Comuni del partenariato
Comune di Vibo Valentia (Capofila)

PISL “Vibo Giardino sul mare”

Cessaniti; Dinami; Filandari; Francica; Ionadi; Maierato; Mileto; Pizzo; San Calogero; San Costantino Calabro; San Gregorio d’Ippona; Sant’Onofrio; Soriano Calabro; Stefanaconi; Vibo Valentia; Zaccanopoli; Zambrone; Zungri.

 

Comune di Mongiana

(Capofila)

 

PISL “Alte Serre Vibonesi” *

Brognaturo; Fabrizia; Mongiana; Nardodipace; Serra San Bruno; Simbario; Spadola; Vallelonga
Comune di Tropea (Capofila)

 

PISL  “Tropea e dintorni”*

Briatico; Drapia; Joppolo; Limbadi; Nicotera; Parghelia; Ricadi; Rombiolo; Spilinga; Tropea.

 

  1. 2.* potranno essere presentate e valutate con riserva le proposte delle PMI localizzate o che intendono localizzare l’unità produttiva locale,sede in cui viene esercitata l’attività,  nei comuni del PISL“Il Golfo che unisce”, del PISL “Slow Life. In viaggio tra culture e natura nel Parco Nazionale d’Aspromonte, dal Tre Pizzi al Limina”, del PISL “STL Locride”, del PISL “Alte Serre vibonesi”, del PISL“Tropea e dintorni”. Le domande di agevolazione potranno essere finanziate solo nel caso in cui la dotazione finanziaria della provincia di competenza non sia completamente esaurita dai PISL collocati in posizione utile e nell’ordine della graduatoria e delle risorse approvate a valere sulla Linea di intervento 5.3.2.2 dalla Giunta regionale di cui al successivo art.33 .

SETTORI E TIPOLOGIA DEGLI INTERVENTI AMMISSIBILI

  1. 3.Sono finanziabili la qualificazione, il potenziamento e l’innovazione dei sistemi di ospitalità delle Destinazioni Turistiche Regionali attraverso:
  2. 4.1. interventi per migliorare le funzionalità e la qualità dei servizi delle strutture ricettive esistenti,  anche per estenderne l’attività all’intero anno attraverso la realizzazioneimpianti  di  condizionamento/riscaldamento,  di  centri  benessere,  di  piscine,  di  attrezzature per il turismo sociale e sportivo;
  3. 5.2.per  favorire la realizzazione di  nuova ricettività di alta qualità all’interno delle  aree  delle  Destinazioni  Turistiche  Regionali  –  PISL  “Sistemi  Turistici  Locali/Destinazioni Turistiche regionali” attraverso la valorizzazione del  patrimonio storico e  architettonico di  eccellenza  già  esistente,  sia  pubblico che privato.  Si  fa riferimento prioritariamente: al patrimonio storico e architettonico costituito dai centri  storici  e  dai  borghi  di  eccellenza  della  regione;  al  sistema  dei  castelli  e  delle fortificazioni costiere.  Gli  interventi  proposti  devono tener  conto di  quanto stabilito nell’Allegato A in merito alla “Ricettività di  alta qualità e al  Patrimonio storico e architettonico di eccellenza”. Per l’individuazione dei centri storici si fa riferimento a quanto definito dalla Deliberazione 10 febbraio 2011, n. 44 “L.U.R. n. 19/02 art. 48 comma c). “Insediamenti urbani e storici”. Elenco dei centro storici calabresi e degli  insediamenti storici minori suscettibili di tutela e valorizzazione.”;
  4. 6.3.per  la diffusione e realizzazione di forme di ospitalità che valorizzano il  patrimonio edilizio esistente nei  centri  storici  delle aree interne,  dei  borghi rurali  e  costieri, per come definiti nell’Allegato A. Si fa riferimento in particolare:
  • agli alberghi diffusi per come definiti dal Regolamento Regionale 27 ottobre2008 n.4 di  attuazione dell’art.  12 della legge regionale 5 aprile 2008,  n. 8,

pubblicato sul BURC parti I e II n. 22 del 15.11.2008; • alla realizzazione di una rete di prima ospitalità diffusa sul territorio regionale

che deve costituire un punto unico,  fortemente caratterizzato  e riconoscibile per  la  fornitura  di  un insieme  di  servizi:  accoglienza,  ricettività,  punto di informazione turistica e culturale,  emporio di  prodotti  calabresi   e punto di degustazione. Tale modello di ricettività deve possedere i requisiti previsti per l’ospitalità diffusa nell’allegato A al presente Avviso;

  1. 1.4. interventi per l’adeguamento, il potenziamento o la realizzazione delle infrastrutture eservizi  complementari  agli  esercizi  ricettivi  (impianti  sportivi,  centri  benessere, etc.)  all’interno  delle  Destinazioni  Turistiche  Regionali  –  PISL  “Sistemi  Turistici Locali/Destinazioni Turistiche regionali”.  Si  fa riferimento ad interventi  proposti  da Soggetti  Privati  e a quelli  proposti  da reti  di  Operatori  turistici  che già operano nel  territorio  di riferimento.

SPESE AMMISSIBILI PER GLI INVESTIMENTI PRODUTTIVI

Sono ammissibili le spese relative a: a)  studi di fattibilità economico-finanziaria connessi al programma di investimenti; b)  suolo aziendale; c)  sistemazioni del suolo e indagini geognostiche; d) opere murarie e assimilate comprensive delle spese per progettazioni ingegneristiche, direzione

dei lavori,  di  valutazione di  impatto ambientale,  oneri  per le concessioni edilizie,  collaudi di  legge;

e)  infrastrutture specifiche aziendali; f)  macchinari,  impianti  ed attrezzature  varie,  compresi  arredi  e  impianti  per  la  produzione di

energia  da  fonti  rinnovabili,  nuovi  di  fabbrica,  ivi  compresi  quelli  necessari  all’attività amministrativa dell’impresa, ed esclusi quelli relativi all’attività di rappresentanza; mezzi mobili  strettamente  necessari  al  ciclo  di  produzione  purché  dimensionati  all’effettiva  produzione,  identificabili singolarmente ed a servizio esclusivo della struttura oggetto delle agevolazioni;

g)  know how e attività immateriali: conoscenze tecniche non brevettate e programmi informatici  commisurati alle esigenze produttive e gestionali dell’impresa.

Articolo 8

FORMA E INTENSITÀ DELL’AIUTO

Le agevolazioni per gli investimenti produttivi sono concesse in conformità a quanto previsto dai  seguenti regolamenti comunitari e normativa di riferimento:

Regolamento  (CE)  n.  800/2008  della  Commissione  del  6  agosto  2008  (Regolamento Generale di Esenzione per Categoria) che ha disposto, in seguito alla sua introduzione, la sostituzione dei Regolamenti (CE) n. 70/2001, n. 68/2001 e n. 2204/2002, precedentemente scaduti, nonché l’abrogazione del Regolamento n. 1628/2006;

Regolamento  (CE)  n.  1407/2013  della  Commissione  del  18  dicembre  2013,  relativo all’applicazione degli articoli 107 e 108 del trattato sul funzionamento dell’Unione europea agli aiuti <<de minimis>>.

L‘importo degli  aiuti  non può in ogni  caso superare i  massimali  di intensità dell‘agevolazione previsti  dalla  “Carta  degli  aiuti  a  finalità  regionale“  approvata  dalla  Commissione  Europea  e vigente alla data di approvazione della graduatoria. E’  possibile richiedere agevolazioni  ai  sensi  del  Regolamento (CE)  n.  800/2008 (Regolamento Generale di Esenzione per Categoria) – Categoria “Aiuti a finalità regionale” di cui alla Sezione 1 articolo 13. In particolare:

le agevolazioni  concedibili  alle Piccole Imprese,  possono essere erogate nel  rispetto del  limite massimo della percentuale del  50% della spesa complessiva ritenuta ammissibile,  attraverso un contributo in conto capitale;

le  agevolazioni  concedibili  alle  Medie  Imprese,  possono essere  erogate  nel  rispetto del limite massimo della percentuale del  40% della spesa complessiva ritenuta ammissibile,  attraverso un contributo in conto capitale.

Gli aiuti esentati ai sensi del Regolamento (CE) n. 800/2008 non possono essere cumulati con altri  aiuti  esentati  in  virtù  del  regolamento  o  con  gli  aiuti  d’importanza  minore  (de  minimis)  che soddisfino le condizioni di cui al Regolamento (CE) n. 1407/2013 della Commissione ovvero con altri finanziamenti della Comunità relativi agli stessi costi — coincidenti in parte o integralmente — ammissibili, ove tale cumulo porti al superamento dell’intensità di aiuto o dell’importo di aiuto più elevati applicabili all’aiuto in questione in base al regolamento.

In  alternativa  alle  suddette  forme  di  agevolazione,  di  cui  al  Regolamento  (CE)  n.  800/2008,  possono essere concesse agevolazioni ai sensi del Regolamento (CE) n. 1407/2013 del 15 dicembre 2006 per un importo massimo di 200.000,00 euro e, comunque,   nella misura massima del 60% dell’investimento  agevolabile.  Le  spese  ammissibili  ad  agevolazione  non  possono  superare  i  500.000,00 euro. L’importo complessivo degli aiuti de minimis ai sensi del Regolamento (CE) n. 1407/2013 concessi alla medesima impresa non deve eccedere su un periodo di tre esercizi finanziari il massimale di  200.000,00 euro. Qualunque  sia  la  forma  di  agevolazione  richiesta,  l’ammontare  minimo  di  mezzi  apportati dall’impresa  per  la  realizzazione  del  programma  di  investimenti  produttivi  non  deve  essere

 

____________________________________________________

 

 

Il bando, attuativo della Linea di Intervento 5.3.2.2, stanzia risorse pari a 10,5 milioni di euro per il potenziamento delle Reti di Servizi delle Destinazioni turistiche regionali, e si rivolge alle piccole e medie imprese, anche di nuova costituzione, operanti nei settori dei servizi legati al turismo.

 

Sono finanziabili interventi realizzati da imprese che operano nel comparto del turismo per la progettazione e la realizzazione di nuovi prodotti/servizi turistici basati prioritariamente sugli itinerari tematici (naturalistici, culturali, enogastronomici). Si possono inoltre ricevere contributi per interventi che prevedono la nascita e il potenziamento di imprese in grado di erogare le tipologie di servizi turistici per: organizzazione di eventi e iniziative; fruizione del patrimonio ambientale, architettonico e culturale; promozione e gestione di specifici Prodotti/Pacchetti turistici; servizi alle imprese turistiche (innovazione tecnologica processi back office e front office, gestione comune acquisti, promozione e prenotazione, etc.). E’ data priorità alle imprese di servizi costituite da reti di Operatori turistici.

  1. 1.sezione N – “Noleggio, agenzia di viaggio, servizi di supporto alle imprese” limitatamente ai codici: 79.11.00 “Attività delle agenzie di viaggio”, 79.12.00 “Attività dei tour operators”, 79.90.11 “Servizi di biglietteria per eventi teatrali, sportivi e altri eventi ricreativi e di intrattenimento”, 79.90.19 “Altri servizi di prenotazione e altre attività di assistenza turistica non svolte dalle agenzie di viaggio”, 79.90.20 “Attività delle guide e degli accompagnatori turistici “, 77.21.0 “Noleggio di attrezzature sportive e ricreative”, 77.21.01 “Noleggio di biciclette”, 77.21.02 “Noleggio senza equipaggio di imbarcazioni da diporto (inclusi i pedalò)”, 77.21.09 “Noleggio di altre attrezzature sportive e ricreative; 77.34.00 “Noleggio di mezzi di trasporto marittimo e fluviale”;
  2. 2.sezione R –  Attività artistiche, sportive, di intrattenimento e divertimento limitatamente ai codici: 90.01.09 “Altre rappresentazioni artistiche”, 90.02.01 “Noleggio con operatore di strutture e attrezzature per manifestazioni e spettacoli”, 90.02.09 “Altre attività di supporto alle rappresentazioni artistiche”, 91.03 “Gestione di luoghi e monumenti storici e attrazioni simili”, 93.21.0 “Parchi di divertimento e parchi tematici”; 93.29.9 “Altre attività di intrattenimento e di divertimento n.c.a.” .

 

  1. 3.In dettaglio i partenariati di progetto ammissibili alle agevolazioni sono relativi alle seguenti aree:

 

 

PROVINCIA DI CATANZARO

 

Capofila/PISL Comuni del partenariato
Provincia di Catanzaro (Capofila)

 

PISL“Natura: un ponte tra mare e montagna

 

Albi; Andali; Badolato; Belcastro; Borgia; Botricello; Catanzaro; Cerva; Cropani; Fossato Serralta; Guardiavalle; Isca sullo Ionio; Magisano; Marcedusa; Pentone; Petronà; San Sostene; Santa Caterina dello Ionio; Sant’Andrea Apostolo dello Ionio; Sellia; Sellia Marina; Sersale; Simeri Crichi; Sorbo San Basile; Soveria Simeri; Taverna; Zagarise.
Comune di Gizzeria (Capofila)

 

PISL “Costa degli Ulivi”

 

Curinga; Falerna; Gizzeria; Jacurso; Lamezia Terme; Maida; Nocera Terinese; San Pietro a Maida.
Comune di Gimigliano (Capofila)

PISL “Sistemi turistici del Reventino”

Amato; Carlopoli; Cicala; Conflenti; Decollatura; Gimigliano; Marcellinara; Martirano; Martirano Lombardo; Motta Santa Lucia; Platania; San Mango D’Aquino; San Pietro Apostolo; Soveria Mannelli; Tiriolo.
Comune di Squillace (Capofila)

 

PISL “Il golfo che unisce”*

 

Amaroni; Davoli; Gasperina; Montauro; Montepaone; Palermiti; Petrizzi; Satriano; Soverato; Squillace; Staletti; Vallefiorita.

 

 

 

PROVINCIA DI COSENZA

 

Capofila/PISL Comuni del partenariato
Comune di San Giovanni in Fiore (Capofila)

 

PISL“Lorica Hamata in Sila amena”

Aprigliano; Parenti; Pedace; Pietrafitta; San Giovanni in Fiore; Serra Pedace; Spezzano della Sila; Spezzano Piccolo; Trenta.

 

Comune di Scalea (Capofila)

 

PISL“STL Riviera dei Cedri sostenibile, accessibile e competitiva”

 

Aieta; Orsomarso; Papasidero; Praia a Mare; San Nicola Arcella; Santa Domenica Talao; Scalea; Tortora; Verbicaro.

 

Comune di Amantea (Capofila)

 

PISL“Antica Temesa”

 

Aiello Calabro; Amantea; Belmonte Calabro; Lago; Serra d’Aiello.
Comune di Castrovillari (Capofila)

 

PISL“Attraversando natura: i luoghi dell’acqua e della storia tra il Pollino e la Valle dell’Esaro”

 

Acquaformosa; Altomonte; Castrovillari; Civita; Firmo; Frascineto; Laino Borgo; Laino Castello; Lungro; Morano Calabro; Mormanno; Mottafollone; San Basile; San Donato di Ninea; San Lorenzo del Vallo; San Sosti; Sant’Agata di Esaro; Saracena; Spezzano Albanese.

 

Comune di Cassano allo Ionio (Capofila)

 

PISL “Sybaris terra d’incanto: mare e cultura”

 

Albidona; Alessandria del Carretto; Amendolara; Canna; Cassano allo Ionio; Castroregio; Cerchiara di Calabria; Francavilla Marittima; Montegiordano; Nocara; Oriolo; Plataci; Rocca Imperiale; Roseto Capo Spulico; San Lorenzo Bellizzi; Trebisacce; Villapiana.

 

Comune di Belvedere Marittimo (Capofila)

 

PISL “Welcome Costa dei cedri, porta di Apollo

 

Belvedere Marittimo; Bonifati; Buonvicino; Diamante; Grisolia; Maiera’; Sangineto; Santa Maria del Cedro.
 

PROVINCIA DI CROTONE

 

Capofila/PISL Comuni del partenariato
Provincia di Crotone (Capofila)

 

PISL“Madre natura, padre cultura: la provincia di Crotone tra natura, cultura, enogastronomia

 

Caccuri; Carfizzi; Casabona; Cerenzia; Ciro’; Ciro’ Marina; Cotronei; Crotone; Crucoli; Cutro; Isola di Capo Rizzuto; Melissa; Mesoraca; Pallagorio; Petilia Policastro; Roccabernarda; San Mauro Marchesato; San Nicola dell’Alto; Santa Severina; Savelli; Strongoli; Umbriatico; Verzino.

 

 

 

PROVINCIA DI REGGIO CALABRIA

 

Capofila/PISL Comuni del partenariato
Comune di Bagnara Calabra (Capofila)

 

PISL “Le terre della fata Morgana”

 

Bagnara Calabra; Palmi; Reggio di Calabria; Scilla; Seminara; Villa San Giovanni.

 

Comune di Santo Stefano in Aspromonte (Capofila)

 

PISL “L’Aspromonte a portata di… mare: itinerario turistico fra le terrazze sullo stretto”

 

Calanna; Campo Calabro; Cardeto; Fiumara; Laganadi; San Roberto; Sant’Alessio in Aspromonte; Santo Stefano in Aspromonte.

 

Comune di Gerace (Capofila)

 

PISL “Slow Life. In viaggio tra culture e nature nel Parco Nazionale d’Aspromonte, dal Tre Pizzi al Limina” *

 

Agnana Calabra; Antonimina; Canolo; Ciminà; Gerace; Mammola.

 

Consorzio Locride Ambiente (Capofila)

 

PISL “STL Locride” *

 

 Careri; Caulonia; Gioiosa Ionica; Grotteria; Locri; Marina di Gioiosa Ionica; Martone; Plati’; Portigliola; Riace; Roccella Ionica; Samo; San Giovanni di Gerace; San Luca; Sant’Agata del Bianco; Sant’Ilario dello Ionio; Siderno.
 

PROVINCIA DI VIBO VALENTIA

 

Capofila/PISL Comuni del partenariato
Comune di Vibo Valentia (Capofila)

PISL “Vibo Giardino sul mare”

 

Cessaniti; Dinami; Filandari; Francica; Ionadi; Maierato; Mileto; Pizzo; San Calogero; San Costantino Calabro; San Gregorio d’Ippona; Sant’Onofrio; Soriano Calabro; Stefanaconi; Vibo Valentia; Zaccanopoli; Zambrone; Zungri.

 

Comune di Mongiana

(Capofila)

 

PISL “Alte Serre Vibonesi” *

Brognaturo; Fabrizia; Mongiana; Nardodipace; Serra San Bruno; Simbario; Spadola; Vallelonga
Comune di Tropea (Capofila)

 

PISL  “Tropea e dintorni”*

 

Briatico; Drapia; Joppolo; Limbadi; Nicotera; Parghelia; Ricadi; Rombiolo; Spilinga; Tropea.

 

  1. 4.* potranno essere presentate e valutate con riserva le proposte delle PMI localizzate o che intendono localizzare l’unità produttiva locale,sede in cui viene esercitata l’attività,  nei comuni del PISL“Il Golfo che unisce”, del PISL “Slow Life. In viaggio tra culture e natura nel Parco Nazionale d’Aspromonte, dal Tre Pizzi al Limina”, del PISL “STL Locride”, del PISL “Alte Serre vibonesi”, del PISL“Tropea e dintorni”. Le domande di agevolazione potranno essere finanziate solo nel caso in cui la dotazione finanziaria della provincia di competenza non sia completamente esaurita dai PISL collocati in posizione utile e nell’ordine della graduatoria e delle risorse approvate a valere sulla Linea di intervento 5.3.2.2 dalla Giunta regionale di cui al successivo art.33 .

 SPESE AMMISSIBILI PER GLI INVESTIMENTI PRODUTTIVI

  1. 1.Per i Piani di Investimenti Produttivi presentati da imprese che già operano nel settore del turismo sono ammissibilile seguenti tipologie di spesa:
  1. a.macchinari, impianti ed attrezzature varie, nuovi difabbrica, ivi compresi quelli necessari all’attività, amministrativa dell’impresa, ed esclusi quelli relativi all’attività di rappresentanza; mezzi mobili, ausili, attrezzature e arredi personalizzati che permettono di risolvere le esigenze di accessibilità e di fruibilità dei soggetti portatori di bisogni speciali strettamente necessari e dimensionati alla effettiva produzione, identificabili singolarmente ed a servizio esclusivo dell’attività oggetto delle agevolazioni.
  2. b.know how e attività immateriali: conoscenze tecniche non brevettate e programmi informatici commisurati alle esigenze produttive e gestionali dell’impresa.

 

  1. 2.Per i piani di investimento produttivo per nuove imprese di servizi al turismo, sono ammissibili le seguenti tipologie di spesa:
    1. a)progettazione, studi di fattibilità tecnico-economico-finanziaria e di valutazione di impatto ambientale, secondo standard e metodologie internazionalmente riconosciuti e coerenti con l’attività ammissibile;
    2. b)suolo aziendale, nel limite del 10% dell’investimento complessivo;
    3. c)sistemazioni del suolo e indagini geognostiche;
    4. d)opere murarie e assimilate, anche fabbricati esistenti, nel limite massimo del 35% dell’investimento complessivo comprensive delle spese per progettazioni ingegneristiche, direzione dei lavori, valutazione di impatto ambientale, oneri per le concessioni edilizie e collaudi di legge;
    5. e)infrastrutture specifiche aziendali;
    6. f)macchinari, arredi, impianti ed attrezzature varie, nuovi di fabbrica, ivi compresi quelli necessari all’attività amministrativa dell’impresa, ed esclusi quelli relativi all’attività di rappresentanza; mezzi mobili, ausili, attrezzature e arredi personalizzati che permettono di risolvere le esigenze di accessibilità e di fruibilità dei soggetti portatori di bisogni speciali strettamente necessari e dimensionati alla effettiva produzione, identificabili singolarmente ed a servizio esclusivo dell’attività oggetto delle agevolazioni.
    7. g)know how e attività immateriali: conoscenze tecniche non brevettate e programmi informatici commisurati alle esigenze produttive e gestionali dell’impresa incluse le spese relative ai servizi per la realizzazione o la personalizzazione di applicazioni informatiche con esclusione del software di base, indispensabile al funzionamento di una macchina o di un impianto, che non rientra tra le suddette spese ma è da considerare incluse nella spesa relativa alla macchina governata dal software medesimo.
    8. h)

FORMA E INTENSITA’ DELL’AIUTO

Le agevolazioni per gli investimenti produttivi sono concesse in conformità a quanto previsto dai seguenti regolamenti comunitari e normativa di riferimento:

  • Regolamento (CE) 800/2008 della Commissione del 6 agosto 2008 (Regolamento Generale di Esenzione per Categoria) che ha disposto, in seguito alla sua introduzione, la sostituzione dei Regolamenti (CE) n. 70/2001, n. 6812001 e n. 2204/2002, precedentemente scaduti, nonché l’abrogazione del Regolamento n. 1628/2006;
  • Regolamento (CE) n. 1407/2013 della Commissione del 18 dicembre 2013, relativo all’applicazione degli articoli 107 e 108 del trattato sul funzionamento dell’Unione europea agli aiuti <<de minimis>>.

L‘importo degli aiuti, non può in ogni caso superare i massimali di intensità dell‘agevolazione previsti dalla “Carta degli aiuti a finalità regionale“ approvata dalla Commissione Europea e vigente alla data di approvazione della graduatoria.

E’ possibile richiedere agevolazioni ai sensi del Regolamento (CE) n. 800/2008 (Regolamento Generale di Esenzione per Categoria) – Categoria “Aiuti a finalità regionale” di cui alla Sezione 1 articolo 13.

In particolare:

  • le agevolazioni concedibili alle Piccole Imprese possono essere erogate, nel rispetto del limite massimo della percentuale del 50% della spesa complessiva ritenuta ammissibile , attraverso un contributo in conto capitale;
  • le agevolazioni concedibili alle Medie Imprese possono essere erogate, nel rispetto del limite massimo della percentuale del 40% della spesa complessiva ritenuta ammissibile, attraverso un contributo in conto capitale.

 

 

 

Bandi in corso aperti

 

MISE Investimenti innovativi: agevolazioni regioni Convergenza (“Macchinari”)

 

Fissata la scadenza per la presentazione delle domande al 27 Febbraio 2014

Al fine di rafforzare la competitività dei sistemi produttivi e lo sviluppo tecnologico nelle aree delle regioni dell’ Obiettivo Convergenza (Calabria, Campania, Puglia e Sicilia), è stato varato, nell’ambito del Piano di Azione Coesione, un nuovo intervento per l’agevolazione di programmi di investimento innovativi. Importo di finanziamento minimo 200.000 euro e massimo 3.000.000 di euro

 

Le agevolazioni sono concesse nella forma della “sovvenzione rimborsabile”, un contributo finanziario diretto rimborsabile parzialmente senza interessi. La “sovvenzione” copre il 75% delle spese ammissibili ed è restituita dall’impresa beneficiaria per una quota variabile in relazione alla dimensione (70% per le piccole imprese, 80% per le medie e 90% per le grandi).

esempio di agevolazione concessa su piccola impresa (meno di 50 dipendenti e 10 mln di fatturato), contributo del 22,5% sull’importo del finanziamento concesso in conto impianti (da non restituire) e contributo sul 52,5% del finanziamento tramite sovvenzione restituibile max in 7 anni a tasso 0 con rate semestrali.

 

 

INAIL: Sicurezza in azienda, Bando ISI 2013

Il bando vale sia per le imprese che per i lavoratori autonomi e riprenderà l’architettura dell’avviso valido per l’anno in corso, con alcune differenze sul piano dei contenuti.

Tre le linee di finanziamento previste:

  • progetti d’investimento volti al miglioramento delle condizioni di salute e di sicurezza sul lavoro, attraverso la riduzione o eliminazione dei rischi e misure di prevenzione;
  • progetti per l’adozione di modelli organizzativi e di responsabilità sociale;
  • progetti per la sostituzione o l’adeguamento di attrezzature di lavoro e macchinari “ante direttiva Macchine”: linea di finanziamento che rappresenta una novità rispetto alle edizioni precedenti del bando, e che consente alle imprese che hanno in dotazione macchinari e attrezzature di lavoro messe in servizio prima del 21 settembre 1996 (data di entrata in vigore della direttiva in questione) di rottamarle e acquistarne di nuove.

finanziamenti saranno concessi in regime ‘de minimis’, e prevedono tetti relativamente agli aiuti di Stato ricevuti, a valere sugli ultimi tre esercizi aziendali, pari a 100mila euro per le imprese che operano nel settore del trasporto su strada e a 200mila euro per le altre imprese.

contributi, in conto capitale, verranno erogati per il 65% del costo ammissibile del progetto fino a un massimo di 130mila euro. Per i progetti d’ammontare superiore a 30mila euro è possibile un’anticipazione pari al 50% con fideiussione bancaria.

 

Per informazioni telefona allo 0968.1901766 o invia una e-mail a:info@innovazionesviluppo.it

 

I Servizi di Innovazione e Sviluppo

 INCENTIVI PER PROGRAMMI DI INVESTIMENTO

Consulenza, analisi di fattibilità economico finanziaria, predisposizione di piani d’impresa finalizzati alla richiesta di incentivi per programmi di investimento:
D.Lgs.185/00 “Autoimprenditorialità”: agevolazioni a fondo perduto, mutuo agevolato e conto gestione, per la creazione e lo sviluppo di imprese costituite da giovani nelle aree depresse attraverso:
Capo I – Produzione di beni nei settori dell’agricoltura, dell’industria o dell’artigianato e fornitura di servizi a favore delle imprese.Investimenti previsti non superiori a € 2.582.000
Capo II – Fornitura di servizi nei settori della fruizione dei beni culturali, del turismo, della manutenzioni di opere civili e industriali, della tutela ambientale, dell’innovazione tecnologica, dell’agricoltura e della trasformazione e commercializzazione dei prodotti agroindustriali.Investimenti previsti non superiori a € 516.000
Capo IV – Produzione di beni in agricoltura, industria e artigianato e fornitura di servizi a favore delle imprese realizzate da Cooperative sociali di tipo b). Investimenti previsti non superiori a € 516.000.
D.Lgs.185/00 “Autoimpiego”: inserimento nel mondo del lavoro di soggetti privi di occupazione attraverso la creazione di imprese di piccola dimensione nelle aree economicamente svantaggiate attraverso:
Lavoro Autonomo (ditta individuale). Investimenti fino a € 25.823
Microimpresa (società di persone). Investimenti fino a € 129.114
Franchising (ditta individuale o società).
Contratto di sviluppo: Realizzazione investimenti di rilevanti dimensioni, da 7,5 a 30 milioni di euro.
L.215/92: azioni a favore dell’imprenditoria femminile.
POR Regione Calabria: Programmi di investimenti agevolati a valere sulle misure del POR, attraverso bandi della Regione Calabria, Comunità Montane, GAL, Camere di Commercio ed altri Enti Intermedi.
PSR Calabria: Programmi di investimenti agevolati a valere sulle misure del PSR Regionale nel settore agricoltura.
FINANZA ORDINARIA
Finanziamenti a tasso di mercato in Euro o valuta.
Cofinanziamenti: finanziamenti a copertura del piano finanziario di investimenti agevolati dalla legislazione regionale o nazionale.
Leasing: ordinari ed agevolati.
Fondo Nazionale di garanzia: A copertura di finanziamenti concessi dagli istituti bancari/finanziari, attraverso il Fondo di Garanzia per le PMI (L.662/96)
Finanziamenti bancari diretti.
 
SICUREZZA e SALUTE sui LUOGHI DI LAVORO
(D.Lgs.81/08 e succ. mod.)
Redazione del Documento di Valutazione dei Rischi.
Organizzazione e gestione del Servizio di Prevenzione e Protezione aziendale.
Assunzione incarico di Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione.
Corsi di formazione per Datori di Lavoro, Lavoratori e Rappresentanti dei Lavoratori, Addetti alla gestione delle Emergenze Incendio, Evacuazione e Primo Soccorso aziendale.
Redazione di Piani di gestione delle Emergenze.
Nomina del Medico Competente e attività di Sorveglianza Sanitaria.
SICUREZZA SUI CANTIERI (D.Lgs.81/08)
Assunzione incarico di Coordinatore per la Progettazione e per l’ Esecuzione.
Elaborazione del Piano di Sicurezza e Coordinamento Cantieri.
Elaborazione del Piano Operativo di Sicurezza e del P.i.M.U.S. (uso ponteggi)
Corsi di Formazione per Addetti Ponteggi.
Corsi di formazione per Addetti conduzione Macchine Operatrici di Cantiere
IGIENE INDUSTRIALE
Misurazioni Strumentali e Relazioni Tecniche per quanto riguarda :
Rumore – Microclima – Illuminazione – Campi Elettromagnetici
QUALITA’ e AMBIENTE
Progettazione e implementazione di Sistemi di Gestione per la Qualità e Sistemi Ambientali, in conformità alle Norme UNI EN ISO 9001:2008 -UNI EN ISO 14001: 2004
Analisi della Organizzazione aziendale ed elaborazione della documentazione prevista (Manuale, Analisi Ambientale Iniziale, Procedure e istruzioni Operative;
Assistenza nella implementazione delle procedure di Sistema
Assistenza nell’iter di certificazione a cura dell’Ente terzo.
SICUREZZA ed IGIENE DEGLI ALIMENTI
Elaborazione di Manuali per l’Autocontrollo basati sul principio dell’HACCP –
Corsi di Formazione per gli Operatori, in materia di igiene degli alimenti.
FORMAZIONE
 “Innovazione e Sviluppo” opera nel settore della formazione direttamente o attraverso convenzioni con primari Enti Accreditati presso la Regione Calabria nelle tipologie formazione continua e superiore, in possesso della Certificazione di Qualità Conforme alla norma ISO 9001:2008 e accreditate AICA. Il Consorzio è in grado di supportare le imprese in relazione all’intero percorso di sviluppo delle risorse umane aziendali, mettendo a disposizione la propria esperienza oramai consolidata nell’analisi dei fabbisogni formativi, nell’ideazione, progettazione , avvio e realizzazione di attività di formazione cofinanziata con fondi erogati dalla Regione Calabria, dal Ministero del Lavoro, dal Fondo Sociale Europeo e Fondi Paritetici Interprofessionali:
– attività formative di qualificazione e aggiornamento tecnologico nei settori specifici;
– attività formative sulle tematiche della qualità, dell’ambiente e sulla sicurezza e igiene del lavoro;
– attività formative dirette alla qualificazione delle risorse umane
“Innovazione e Sviluppo” opera inoltre in collaborazione con i principali Enti di Categoria ed Enti Bilaterali nell’ambito della formazione privata, in particolare i corsi liberi finalizzati al rilascio di attestazioni e qualifiche in convenzione con le Istituzioni Provinciali, come ad esempio:
Operatore commerciale del settore alimentare e della somministrazione di alimenti e bevande.
Agente affari in mediazioni immobiliare.
Addetto ai servizi di controllo delle attività di intrattenimento e spettacolo.
--
www.innovazionesviluppo.it | contact
--

If you’re not interested any more » unsubscribe

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...