AIDA informa

 

 

 

 

 

 

8265898-gallo-bianco-con-una-cresta-di-gallo-rosso-sullo-sfondo-del-cielo-blu

Bando MISE Efficienza energetica – in uscita-

 

(Ambito di applicazione e finalità dell’intervento)

Concessione ed erogazione di agevolazioni in favore di imprese localizzate nelle Regioni dell’Obiettivo Convergenza, realizzazione di programmi finalizzati alla riduzione ed alla razionalizzazione dell’uso dell’energia primaria utilizzata nei cicli di lavorazione e/o di erogazione dei servizi svolti all’interno di un’unità produttiva.

(Soggetti beneficiari)

Possono beneficiare delle agevolazioni di cui al presente decreto le imprese che, alla data di presentazione della domanda di cui all’articolo 8, sono in possesso dei seguenti requisiti:

a)essere regolarmente costituite da almeno due anni ed iscritte nel Registro delle imprese; se si tratta di imprese di servizi, essere costituite sotto forma di società;

b)essere nel pieno e libero esercizio dei propri diritti, non essere in liquidazione volontaria e non essere sottoposte a procedure concorsuali;

c)trovarsi in regime di contabilità ordinaria;

d)non rientrare tra le imprese che hanno ricevuto e, successivamente, non rimborsato

o depositato in un conto bloccato, gli aiuti individuati quali illegali o incompatibili dalla Commissioneeuropea;

e)trovarsi in regola con le disposizioni vigenti in materia di normativa edilizia ed urbanistica, del lavoro, della prevenzione degli infortuni e della salvaguardia dell’ambiente ed essere in regola con gli obblighi contributivi;

f)non essere state destinatarie, nei tre anni precedenti la domanda, di provvedimenti di revoca totale di agevolazioni concesse dal Ministero, ad eccezione di quelli derivanti da rinunce;

(Programmi ammissibili)

I programmi d’investimento ammissibili devono prevedere il cambiamento fondamentale del processo di produzione svolto all’interno di un’unità produttiva esistente, tale da ottenere una riduzione nominale dei consumi di energia primaria in misura almeno pari a quanto indicato nel comma 2 ed avere ad oggetto una o più delle seguenti tipologie di interventi:

a)isolamento termico degli edifici al cui interno sono svolte le attività economiche (es. rivestimenti, pavimentazioni, infissi, isolanti, materiali per l’eco-edilizia, coibentazioni compatibili con i processi produttivi);

b)razionalizzazione, efficientamento e/o sostituzione dei sistemi di riscaldamento, condizionamento, alimentazione elettrica ed illuminazione, anche se impiegati nei cicli di lavorazione funzionali alla riduzione dei consumi energetici (es. building automation, motori a basso consumo, rifasamento elettrico dei motori, installazione di inverter, sistemi per la gestione ed il monitoraggio dei consumi energetici);

c)installazione di impianti ed attrezzature funzionali al contenimento dei consumi energetici nei cicli di lavorazione e/o di erogazione dei servizi;

d)installazione, per sola finalità di autoconsumo, di impianti per la produzione e la distribuzione dell’energia termica ed elettrica all’interno dell’unità produttiva oggetto del programma d’investimento, ovvero per il recupero del calore di processo da forni e/o impianti che producono calore, o che prevedano il riutilizzo di altre forme di energia recuperabile in processi ed impianti che utilizzano fonti fossili nei limiti stabiliti nell’allegato n. 1.

(Spese ammissibili)

1.Le spese ammissibili sono quelle relative all’acquisto di nuove immobilizzazioni materiali e immateriali, come definite dagli articoli 2423 e seguenti del codice civile, rientranti nelle seguenti categorie:

a)opere murarie e assimilate, di valore non superiore, per gli investimenti diversi da quelli di cui all’articolo 5, comma 1, lettera a), al 40 per cento dell’investimento ammesso;

b)macchinari, impianti e attrezzature; c)programmi informatici commisurati alle esigenze produttive e gestionali dell’impresa, funzionali al monitoraggio dei consumi energetici nell’attività svolta negli impianti o negli immobili facenti parte dell’unità produttiva interessata dal programma la cui disponibilità sia riferibile esclusivamente al soggetto beneficiario; per le grandi imprese tali spese sono ammissibili solo fino al 50 per cento del loro valore ritenuto congruo ai fini della realizzazione del programma.

Limitatamente alle sole imprese di piccola e media dimensione sono ammissibili anche le spese relative ad attivi immateriali aventi ad oggetto servizi di consulenza diretti alla definizione della diagnosi energetica, di cui all’articolo 2, comma 1, lettera n), del decreto legislativo 30 maggio 2008, n. 115, dell’unità produttiva oggetto degli interventi di risparmio energetico, alla progettazione esecutiva degli interventi e delle opere da realizzare, alle attività di direzione dei lavori, di collaudo e di sicurezza connesse con la realizzazione del programma d’investimento, nonché gli eventuali costi connessi con la progettazione e l’implementazione di un sistema di gestione energetica. Tali spese sono ammissibili nel limite del 10 per cento del totale dei costi ammissibili di cui al comma 1.

(Agevolazioni concedibili)

1.Nei limiti delle intensità massime di aiuto stabilite, ai sensi dell’articolo 13 del Regolamento GBER, dalla Carta degli aiuti di Stato a finalità regionale, è concesso un finanziamento agevolato per una percentuale nominale delle spese ammissibili complessive pari al 75 per cento. Nel caso in cui alla data di concessione delle agevolazioni di cui al presente decreto sia decorso il periodo di validità della Carta degli aiuti di Stato a finalità regionale e non sia stata ancora approvata la carta valida per il successivo periodo di programmazione, le agevolazioni sono concesse nei limiti di cui al Regolamento (CE) n. 1998/2006 della Commissione del 15 dicembre 2006 relativo all’applicazione degli articoli 87 e 88 del Trattato CE agli aiuti d’importanza minore (“de minimis”) e successive modifiche e integrazioni o dei regolamenti sostitutivi del predetto Regolamento (CE) 1998/2006.

Il finanziamento agevolato di cui al comma 1 deve essere restituito dall’impresa beneficiaria, senza interessi, secondo un piano di ammortamento a rate semestrali costanti scadenti il 31 maggio ed il 30 novembre di ogni anno, in un periodo della durata massima di 10 anni a decorrere dalla data di erogazione dell’ultima quota a saldo del finanziamento concesso. Il finanziamento agevolato non è assistito da particolari forme di garanzia, i crediti nascenti dalla ripetizione delle agevolazioni erogate sono, comunque, assistiti da privilegio ai sensi dell’articolo 24, comma 33, della legge 27 dicembre 1997, n. 449.

I soggetti beneficiari devono garantire la copertura finanziaria del programma d’investimento apportando un contributo finanziario, attraverso risorse proprie ovvero mediante finanziamento esterno, in una forma priva di qualsiasi tipo di sostegno pubblico, pari al 25 per cento delle spese ammissibili complessive.

_________________________________________

Programma apistico 2013-2014 – approvazione bando – scadenza 18/2/2014

 

AZIONI FINANZIABILI

 A.ASSISTENZA TECN1CA E FORMAZIONE PROFESSIONALE DEGLI APICOLTORI

 

Sottoazione A.1.2) Corsi di aggiornamento e formazione rivolti a privati

Spesa ammissibile: € 22.000,00 Finanziamento pubblico disponibile: € 19.800,00

Il contributo concesso in conto capitale è pari al 90% della spesa ritenuta ammissibile, al netto di IVA.

Sotto azione A.3) Azioni di comunicazione

Spesa ammissibile: € 20.000,00 Finanziamento pubblico disponibile: € 18.000,00

Il contributo è concesso in conto capitale, pari al 90% della spesa ritenuta ammissibile, al netto di IVA.

Beneficiari: soggetti di cui all’allegato l del DM MIPAAF 23 gennaio 2006 costituiti con atto

pubblico e dotati di statuto, con minimo 40 soci.

B.LOTTA ALLA VARROASI

Sottoazione B.2) Indagini sul campo finalizzate all’applicazione di strategie di lotta alla varroa

caratterizzate da basso impatto chimico sugli alveari Spesa ammissibile: € 11.420,00 Finanziamento pubblico disponibile: € 11.420,00

Il contributo è concesso in conto capitale, pari al 100% della spesa ritenuta ammissibile, al netto di IVA. Beneficiari: Istituti di ricerca, Enti e forme associate di apicoltori di cui all’art. 2.del D.M. 23 gennaio 2006.

Sottoazione B.3) Acquisto di arnie con fondo a rete

Spesa ammissibile: € 80.000,00 Finanziamento pubblico disponibile: € 48.000,00

Il contributo è concesso in conto capitale, pari al 60% della spesa ritenuta ammissibile, al netto di IVA. Beneficiari: apicoltori singoli o associati iscritti all’ Albo Regionale degli Apicoltori della regione Calabria o che, contestualmente alla domanda di aiuto, ne richiedano l’iscrizione. Spese ammissibili acquisto di arnie provviste di fondo a rete, con possibilità di monitoraggio della varroa. Spesa massima per arnia: € 80,00 Si precisa che il finanziamento sarà concesso tenendo conto della consistenza di alveari risultanti nell’ALBO REGIONALE API COL TORI al 31/12/2013:

C.RAZIONALIZZAZIONE DELLA TRANSUMANZA

Sottoazione C2.1) Acquisto attrezzature per l’esercizio del nomadismo

Spesa ammissibile: € 90.000,00 Finanziamento pubblico disponibile € 45.000,00 Il contributo è concesso in conto capitale, pari al 50% della spesa ritenuta anunissibile, al netto di IVA. Beneficiari: apicoltori in forma singola o associatal che soddisfino contemporaneamente i seguenti requisiti: Residenza in Calabria Iscrizione all’Albo regionale Apicoltori; Regolare denuncia dell’apiario all’ Azienda Sanitaria competente per territorio; Iscrizione CCIAA; Disponibilità di un laboratorio aziendale per la smielatura regolarmente autorizzato; Utilizzo di un laboratorio autorizzato (contratto di conto lavorazione regolarmente registrato e tracciabilità delle operazioni); Dimostrazione che l’azienda pratica il nomadismo (relazione tecnica) Possesso di alveari pari o superiore a 400.

E. MISURE DI SOSTEGNO PER IL RIPOPOLAMENTO DEL PATRIMONIO APISTICO COMUNITARIO

 

Sottoazione E.l) Acquisto di sciami e api regine Spesa ammissibile: 260.000,00 Finanziamento pubblico disponibile: € 156.000,00

Il contributo è concesso in conto capitale, pari al 60% della spesa ritenuta ammissibile, al netto di IVA. Beneficiari: apicoltori in forma singola o associata2 che soddisfino contemporaneamente seguenti requisiti: Residenza in Calabria; Iscrizione all’Albo Regionale degli Apicoltori della regIOne Calabria o richiesta di

iscrizione, contestuale alla domanda di aiuto; Regolare denuncia dell’ apiario all’Azienda Sanitaria competente per territorio; Iscrizione alla CCIAA;

 

F. COLLABORAZIONE CON ORGANISMI SPECIALIZZATI PER LA REALIZZAZIONE DEI PROGRAMMI DI RICERCA

Sottoazione f.l) Miglioramento qualitativo del miele mediante analisi fisico-chimiche e microbiologiche, studi di tipizzazione in base all’origine botanica e geografica

Spesa ammissibile: € 10.000,00 Finanziamento pubblico disponibile: € 10.000,00

Il contributo è concesso in conto capitale, pari al 100% della spesa ritenuta ammissibile, al netto di IVA. Beneficiari: Enti e Istituti di Ricerca singoli o in partenariato.

 

Bandi in corso aperti

 

MISE Investimenti innovativi: agevolazioni regioni Convergenza (“Macchinari”)

 

Fissata la scadenza per la presentazione delle domande al 27 Febbraio 2014

Al fine di rafforzare la competitività dei sistemi produttivi e lo sviluppo tecnologico nelle aree delle regioni dell’ Obiettivo Convergenza (Calabria, Campania, Puglia e Sicilia), è stato varato, nell’ambito del Piano di Azione Coesione, un nuovo intervento per l’agevolazione di programmi di investimento innovativi. Importo di finanziamento minimo 200.000 euro e massimo 3.000.000 di euro

 

Le agevolazioni sono concesse nella forma della “sovvenzione rimborsabile”, un contributo finanziario diretto rimborsabile parzialmente senza interessi. La “sovvenzione” copre il 75% delle spese ammissibili ed è restituita dall’impresa beneficiaria per una quota variabile in relazione alla dimensione (70% per le piccole imprese, 80% per le medie e 90% per le grandi).

esempio di agevolazione concessa su piccola impresa (meno di 50 dipendenti e 10 mln di fatturato), contributo del 22,5% sull’importo del finanziamento concesso in conto impianti (da non restituire) e contributo sul 52,5% del finanziamento tramite sovvenzione restituibile max in 7 anni a tasso 0 con rate semestrali.

 

 

INAIL: Sicurezza in azienda, Bando ISI 2013

Il bando vale sia per le imprese che per i lavoratori autonomi e riprenderà l’architettura dell’avviso valido per l’anno in corso, con alcune differenze sul piano dei contenuti.

Tre le linee di finanziamento previste:

  • progetti d’investimento volti al miglioramento delle condizioni di salute e di sicurezza sul lavoro, attraverso la riduzione o eliminazione dei rischi e misure di prevenzione;
  • progetti per l’adozione di modelli organizzativi e di responsabilità sociale;
  • progetti per la sostituzione o l’adeguamento di attrezzature di lavoro e macchinari “ante direttiva Macchine”: linea di finanziamento che rappresenta una novità rispetto alle edizioni precedenti del bando, e che consente alle imprese che hanno in dotazione macchinari e attrezzature di lavoro messe in servizio prima del 21 settembre 1996 (data di entrata in vigore della direttiva in questione) di rottamarle e acquistarne di nuove.

finanziamenti saranno concessi in regime ‘de minimis’, e prevedono tetti relativamente agli aiuti di Stato ricevuti, a valere sugli ultimi tre esercizi aziendali, pari a 100mila euro per le imprese che operano nel settore del trasporto su strada e a 200mila euro per le altre imprese.

contributi, in conto capitale, verranno erogati per il 65% del costo ammissibile del progetto fino a un massimo di 130mila euro. Per i progetti d’ammontare superiore a 30mila euro è possibile un’anticipazione pari al 50% con fideiussione bancaria.

 

Per informazioni telefona allo 0968.1901766 o invia una e-mail a:info@innovazionesviluppo.it

 

I Servizi di Innovazione e Sviluppo

 INCENTIVI PER PROGRAMMI DI INVESTIMENTO

Consulenza, analisi di fattibilità economico finanziaria, predisposizione di piani d’impresa finalizzati alla richiesta di incentivi per programmi di investimento:
D.Lgs.185/00 “Autoimprenditorialità”: agevolazioni a fondo perduto, mutuo agevolato e conto gestione, per la creazione e lo sviluppo di imprese costituite da giovani nelle aree depresse attraverso:
Capo I – Produzione di beni nei settori dell’agricoltura, dell’industria o dell’artigianato e fornitura di servizi a favore delle imprese.Investimenti previsti non superiori a € 2.582.000
Capo II – Fornitura di servizi nei settori della fruizione dei beni culturali, del turismo, della manutenzioni di opere civili e industriali, della tutela ambientale, dell’innovazione tecnologica, dell’agricoltura e della trasformazione e commercializzazione dei prodotti agroindustriali.Investimenti previsti non superiori a € 516.000
Capo IV – Produzione di beni in agricoltura, industria e artigianato e fornitura di servizi a favore delle imprese realizzate da Cooperative sociali di tipo b). Investimenti previsti non superiori a € 516.000.
D.Lgs.185/00 “Autoimpiego”: inserimento nel mondo del lavoro di soggetti privi di occupazione attraverso la creazione di imprese di piccola dimensione nelle aree economicamente svantaggiate attraverso:
Lavoro Autonomo (ditta individuale). Investimenti fino a € 25.823
Microimpresa (società di persone). Investimenti fino a € 129.114
Franchising (ditta individuale o società).
Contratto di sviluppo: Realizzazione investimenti di rilevanti dimensioni, da 7,5 a 30 milioni di euro.
L.215/92: azioni a favore dell’imprenditoria femminile.
POR Regione Calabria: Programmi di investimenti agevolati a valere sulle misure del POR, attraverso bandi della Regione Calabria, Comunità Montane, GAL, Camere di Commercio ed altri Enti Intermedi.
PSR Calabria: Programmi di investimenti agevolati a valere sulle misure del PSR Regionale nel settore agricoltura.
FINANZA ORDINARIA
Finanziamenti a tasso di mercato in Euro o valuta.
Cofinanziamenti: finanziamenti a copertura del piano finanziario di investimenti agevolati dalla legislazione regionale o nazionale.
Leasing: ordinari ed agevolati.
Fondo Nazionale di garanzia: A copertura di finanziamenti concessi dagli istituti bancari/finanziari, attraverso il Fondo di Garanzia per le PMI (L.662/96)
Finanziamenti bancari diretti.
 
SICUREZZA e SALUTE sui LUOGHI DI LAVORO
(D.Lgs.81/08 e succ. mod.)
Redazione del Documento di Valutazione dei Rischi.
Organizzazione e gestione del Servizio di Prevenzione e Protezione aziendale.
Assunzione incarico di Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione.
Corsi di formazione per Datori di Lavoro, Lavoratori e Rappresentanti dei Lavoratori, Addetti alla gestione delle Emergenze Incendio, Evacuazione e Primo Soccorso aziendale.
Redazione di Piani di gestione delle Emergenze.
Nomina del Medico Competente e attività di Sorveglianza Sanitaria.
SICUREZZA SUI CANTIERI (D.Lgs.81/08)
Assunzione incarico di Coordinatore per la Progettazione e per l’ Esecuzione.
Elaborazione del Piano di Sicurezza e Coordinamento Cantieri.
Elaborazione del Piano Operativo di Sicurezza e del P.i.M.U.S. (uso ponteggi)
Corsi di Formazione per Addetti Ponteggi.
Corsi di formazione per Addetti conduzione Macchine Operatrici di Cantiere
IGIENE INDUSTRIALE
Misurazioni Strumentali e Relazioni Tecniche per quanto riguarda :
Rumore – Microclima – Illuminazione – Campi Elettromagnetici
QUALITA’ e AMBIENTE
Progettazione e implementazione di Sistemi di Gestione per la Qualità e Sistemi Ambientali, in conformità alle Norme UNI EN ISO 9001:2008 -UNI EN ISO 14001: 2004
Analisi della Organizzazione aziendale ed elaborazione della documentazione prevista (Manuale, Analisi Ambientale Iniziale, Procedure e istruzioni Operative;
Assistenza nella implementazione delle procedure di Sistema
Assistenza nell’iter di certificazione a cura dell’Ente terzo.
SICUREZZA ed IGIENE DEGLI ALIMENTI
Elaborazione di Manuali per l’Autocontrollo basati sul principio dell’HACCP –
Corsi di Formazione per gli Operatori, in materia di igiene degli alimenti.
FORMAZIONE
 “Innovazione e Sviluppo” opera nel settore della formazione direttamente o attraverso convenzioni con primari Enti Accreditati presso la Regione Calabria nelle tipologie formazione continua e superiore, in possesso della Certificazione di Qualità Conforme alla norma ISO 9001:2008 e accreditate AICA. Il Consorzio è in grado di supportare le imprese in relazione all’intero percorso di sviluppo delle risorse umane aziendali, mettendo a disposizione la propria esperienza oramai consolidata nell’analisi dei fabbisogni formativi, nell’ideazione, progettazione , avvio e realizzazione di attività di formazione cofinanziata con fondi erogati dalla Regione Calabria, dal Ministero del Lavoro, dal Fondo Sociale Europeo e Fondi Paritetici Interprofessionali:
– attività formative di qualificazione e aggiornamento tecnologico nei settori specifici;
– attività formative sulle tematiche della qualità, dell’ambiente e sulla sicurezza e igiene del lavoro;
– attività formative dirette alla qualificazione delle risorse umane
“Innovazione e Sviluppo” opera inoltre in collaborazione con i principali Enti di Categoria ed Enti Bilaterali nell’ambito della formazione privata, in particolare i corsi liberi finalizzati al rilascio di attestazioni e qualifiche in convenzione con le Istituzioni Provinciali, come ad esempio:
Operatore commerciale del settore alimentare e della somministrazione di alimenti e bevande.
Agente affari in mediazioni immobiliare.
Addetto ai servizi di controllo delle attività di intrattenimento e spettacolo.
--
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...