Mafia si, mafia no! ancora mafia!

 

banditoreE’  così difficile avere giustizia in Calabria?

CITTANOVA – Stamane accanto agli auguri di Natale formulati dall’amministrazione comunale e dalle varie istituzioni, sui muri di Cittanova è stato affisso un manifesto con tanto di foto e di firma che ha fatto “meditare” l’intera popolazione. Quando un imprenditore si rivolge alla popolazione in questi termini significa che è veramente disperato. Parlarne forse potrebbe aiutarlo.

Sono Giovinazzo Michele,

sono un noto imprenditore che opera a Cittanova, cittadino onesto, credo nella giustizia ma adesso sono stanco di continuare a lavorare in un territorio difficile dopo tutti gli eventi e le traversie che ho dovuto subire. Per come noto, il giorno 14 dicembre u.s., ho provato una profonda amarezza per il gravissimo episodio di reato di cui sono stato vittima, avendo subito il furto aggravato di tutto l’olio prodotto e molito presso il mio frantoio nella campagna olearia 2013/2014 ed ancora custodito nelle cisterne all’interno dell’azienda di famiglia. L’olio rubato costituiva il frutto dell’intera stagione olearia e tale delitto mi ha messo economicamente in gravissime difficoltà. Nonostante l’aiuto delle Forze dell’Ordine, che ringrazio comunque per il loro tempestivo intervento, sono in fiduciosa attesa del completamento delle indagini in corso ma mi trovo al contempo senza le risorse economiche per il sostentamento della mia famiglia, considerato che svolgo esclusivamente la attività stagionale di molitura e non ho altra attività lavorativa. Allo stesso tempo, sento la necessità di comunicare pubblicamente un mio sfogo personale perché mi sento abbandonato dalle istituzioni in un momento peraltro caratterizzato da una grave crisi economica. Ed infatti: Ho formalmente denunciato alla autorità giudiziaria fatti specifici, relativi ad un amministratore di società che si è impossessato di somme e risorse economiche della società, che ha operato con mala gestio e ha omesso di pagare i debiti sociali aggravando la situazione debitoria della società (acquistando al contempo consistenti beni personali), ma non ho ancora ottenuto alcuna risposta, nonostante una espressa denuncia e successiva diffida formulata ed inviata agli organi inquirenti.

 

Ho denunciato un produttore olivicolo per avere indebitamente inserito terreni non agricoli (e privi anche di una sola pianta) a base di domande di contributi in materia di agevolazioni AGEA, senza alcun esito. Mi risulta che il produttore abbia mantenuto gli stessi titoli in godimento. Ho subito una intimidazione a mezzo di una bomba carta esplosa davanti il portone della mia abitazione, ma non ho avuto alcun riscontro. Mi sono state recapitate n. 4 cartucce nella cassetta postale di casa mia, debitamente denunciate ma senza alcun seguito. Sono stati esplosi dei colpi di arma da fuoco su una piccola piscina gonfiabile dove giocavano i miei figli, ma senza alcuna conseguenza o adozione di provvedimenti da parte della autorità. Ho subito furti di attrezzature della mia attività, ancora in attesa di definizione. Da ultimo, ho ricevuto l’ennesimo episodio delittuoso sopra richiamato, per il quale si attendono comunque tempi abbastanza lunghi per avere giustizia, se mai se ne avrà. Ed allora mi chiedo: è possibile che dopo anni e solleciti non si sia ottenuta ancora alcuna risposta? È possibile che nessuna denuncia, sottoscritta e depositata, abbia avuto un concreto seguito, fosse anche di archiviazione? Insomma quanto deve aspettare un cittadino per avere risposte alle sue richieste di giustizia? Allora, mi domando, quale futuro possa avere la nostra terra e cosa deve fare un imprenditore serio ed onesto per vivere. Insomma, cosa devo fare? Lo chiedo alle istituzioni: ditemelo voi! Io da parte mia stringo i denti e continuo a lavorare, fiducioso nelle istituzioni.

 

Michele Giovinazzo

  Cosa può spingere un cittadino ad affidare ai muri della sua città la sua richiesta di Giustizia? Ma se la Giustizia è sorda e cieca diamole un paio di occhiali e forniamole un apparecchio acustico! E nel caso la” Signora” fosse tanto avanti negli anni da non capire più nulla sostituiamola e nel caso non volesse capire sostituiamola di gran corsa!

Ma le cose vecchie ed inutili non si buttano a fine anno dalla finestra?

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...