AIDA informa

 

banditore

Investimenti innovativi: agevolazioni per le regioni Convergenza (“Macchinari”)

01 ottobre 2013

Al fine di rafforzare la competitività dei sistemi produttivi e lo sviluppo tecnologico nelle aree delle regioni dell’ Obiettivo Convergenza (Calabria, Campania, Puglia e Sicilia), è stato varato, nell’ambito del Piano di Azione Coesione, un nuovo intervento per l’agevolazione di programmi di investimento innovativi.

 

 

I programmi devono essere finalizzati all’acquisizione di immobilizzazioni materiali e immateriali tecnologicamente avanzate, in grado di aumentare il livello di efficienza o di flessibilità nello svolgimento dell’attività economica oggetto del programma, valutabile in termini di:

 

 

riduzione dei costi

 

 

aumento del livello qualitativo dei prodotti e/o dei processi

 

 

aumento della capacità produttiva

 

 

introduzione di nuovi prodotti e/o servizi

 

 

riduzione dell’impatto ambientale

 

 

miglioramento delle condizioni di sicurezza sul lavoro.

 

 

Il decreto ministeriale 29 luglio 2013 di adozione dell’intervento prevede una dotazione finanziaria di 150 milioni di euro, di cui il 60% è riservato alle piccole e medie imprese.

 

 

Le agevolazioni sono concesse nella forma della “sovvenzione rimborsabile”, un contributo finanziario diretto rimborsabile parzialmente senza interessi. La “sovvenzione” copre il 75% delle spese ammissibili ed è restituita dall’impresa beneficiaria per una quota variabile in relazione alla dimensione (70% per le piccole imprese, 80% per le medie e 90% per le grandi).

L’intervento è attuato con procedura valutativa “a sportello”. Con successivo decreto del Direttore generale per l’incentivazione alle attività imprenditoriali saranno indicati il termine di apertura e le modalità per la presentazione delle domande di agevolazione, nonché le condizioni, i punteggi e le soglie minime per la valutazione delle domande stesse.

 

 

Il decreto è stato pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 236 dell’8 ottobre 2013.

 

 

____________________________________________________________________

 

 

 

Innovazione industriale: 5 milioni per le Biotecnologie

 

 

06 novembre 2013

 

 

Il Ministero dello Sviluppo Economico mette a disposizione 5 milioni di euro, a valere sul fondo FCS (Fondo per la Crescita Sostenibile), per supportare progetti transnazionali di innovazione industriale in tutti i campi applicativi delle biotecnologie. La scadenza per la presentazione delle domande è il 31 gennaio 2014.

 

 

Il bando mira a sostenere progetti di sviluppo sperimentale e ricerca industriale realizzati da imprese italiane in collaborazione con altre imprese europee, anche con il coinvolgimento di organismi di ricerca.

Il bando nasce dal coordinamento tra diversi Paesi e Regioni europei nell’ambito dell’iniziativa EuroTransBio e richiede la collaborazione tra almeno 2 imprese di nazionalità diversa.

Il bando è in via di pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana.

Come partecipare

 

 

Quadro di riferimento: L’Italia partecipa all’iniziativa con il Ministero dello Sviluppo Economico. In Italia il bando è aperto nell’ambito del Fondo per la Crescita Sostenibile (FCS), a valere sul quale il Ministero, con il decreto del 30 ottobre 2013, ha stanziato per il nono bando ETB 5 milioni di euro.

 

 

Chi può partecipare: raggruppamenti composti da almeno 2 imprese provenienti da almeno 2 Paesi partecipanti ad ETB e coordinati da una PMI (vedi definizione europea di PMI), che si assume una parte significativa di attività. Ai raggruppamenti di progetto possono partecipare anche organismi di ricerca, purché sia coinvolta un’impresa del corrispondente Paese.

In quali Paesi si possono trovare partner: Austria, Finlandia, Germania, e nelle Regioni delle Fiandre e della Vallonia (Belgio), dell’Alsazia (Francia), Russia, dell’Andalusia e dei Paesi Baschi (Spagna).

Quali progetti è possibile presentare: il bando offre la possibilità di co-finanziare progetti di sviluppo sperimentale e ricerca industriale, caratterizzati da eccellenza e innovatività.

Quando presentare le proposte: dal giorno successivo alla pubblicazione del bando sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana e fino al 31 gennaio 2014. Entro tale data va inviata all’apposito ufficio transnazionale ETB la proposta progettuale (in inglese) attraverso l’uso di un software specifico e, contestualmente, la domanda di accesso alle agevolazioni (in italiano) al Ministero dello Sviluppo Economico.

Budget: le risorse complessive messe a disposizione dai Paesi e dalle Regioni partecipanti al bando sono pari a circa 21 milioni di euro (compresi i 5 milioni di euro messi a disposizione degli operatori italiani dal Ministero dello Sviluppo Economico).
La Commissione Europea non è coinvolta nella definizione o nella preparazione del bando, né nella valutazione e nel finanziamento dei progetti approvati.

 

 

­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­________________________________________________________________

 

 

 

Legge Stabilita’: credito d’imposta per la ricerca nel testo collegato

 

 

Credito d’imposta per la ricerca, e voucher per la digitalizzazione delle PMI. Sono alcune delle novità della bozza del disegno di legge collegato alla legge di stabilità.

 

 

Ricerca

 

 

Fra le novità del testo, il credito d’imposta per la ricerca, che prevede il riconoscimento di un bonus alle imprese che investono in attività di R&S. L’intensità sarà pari al 50% delle spese incrementali sostenute rispetto all’anno precedente, con un’agevolazione massima annuale di 2,5 milioni per ciascun beneficiario e una soglia minima di 50mila euro.

 

 

La misura, che andrà dal 2014 al 2016, prevede il riconoscimento di crediti d’imposta per un ammontare massimo di 200 milioni di euro a valere sulle risorse provenienti dai fondi europei 2014-2020.

 

 

Crediti d’imposta sono previsti anche per le aziende coinvolte in accordi di programma per la bonifica e la riconversione industriale di siti inquinati di interesse nazionale.

 

 

_________________________________________________________________

 

 

Voucher per la digitalizzazione delle pmi

 

 

Previsto uno stanziamento di 200 milioni di euro, sempre a valere sui fondi Ue della prossima programmazione, per favorire l’innovazione tecnologica delle imprese di dimensioni ridotte, tramite contributi a fondo perduto sotto forma di voucher, il cui importo non potrà superare i 10mila euro. Voucher che potranno essere utilizzati non solo per l’acquisto di software, hardware e per le imprese che si mettono in rete con la banda larga, ma anche per finanziare la formazione qualificata, nel campo ICT, delle piccole e medie imprese.

 

 

 

 

 

Per informazioni telefona allo 0968.1901766 o invia una e-mail a:info@innovazionesviluppo.it

 

I Servizi di Innovazione e Sviluppo

 INCENTIVI PER PROGRAMMI DI INVESTIMENTO

Consulenza, analisi di fattibilità economico finanziaria, predisposizione di piani d’impresa finalizzati alla richiesta di incentivi per programmi di investimento:
D.Lgs.185/00 “Autoimprenditorialità”: agevolazioni a fondo perduto, mutuo agevolato e conto gestione, per la creazione e lo sviluppo di imprese costituite da giovani nelle aree depresse attraverso:
Capo I – Produzione di beni nei settori dell’agricoltura, dell’industria o dell’artigianato e fornitura di servizi a favore delle imprese.Investimenti previsti non superiori a € 2.582.000
Capo II – Fornitura di servizi nei settori della fruizione dei beni culturali, del turismo, della manutenzioni di opere civili e industriali, della tutela ambientale, dell’innovazione tecnologica, dell’agricoltura e della trasformazione e commercializzazione dei prodotti agroindustriali.Investimenti previsti non superiori a € 516.000
Capo IV – Produzione di beni in agricoltura, industria e artigianato e fornitura di servizi a favore delle imprese realizzate da Cooperative sociali di tipo b). Investimenti previsti non superiori a € 516.000.
D.Lgs.185/00 “Autoimpiego”: inserimento nel mondo del lavoro di soggetti privi di occupazione attraverso la creazione di imprese di piccola dimensione nelle aree economicamente svantaggiate attraverso:
Lavoro Autonomo (ditta individuale). Investimenti fino a € 25.823
Microimpresa (società di persone). Investimenti fino a € 129.114
Franchising (ditta individuale o società).
Contratto di sviluppo: Realizzazione investimenti di rilevanti dimensioni, da 7,5 a 30 milioni di euro.
L.215/92: azioni a favore dell’imprenditoria femminile.
POR Regione Calabria: Programmi di investimenti agevolati a valere sulle misure del POR, attraverso bandi della Regione Calabria, Comunità Montane, GAL, Camere di Commercio ed altri Enti Intermedi.
PSR Calabria: Programmi di investimenti agevolati a valere sulle misure del PSR Regionale nel settore agricoltura.
FINANZA ORDINARIA
Finanziamenti a tasso di mercato in Euro o valuta.
Cofinanziamenti: finanziamenti a copertura del piano finanziario di investimenti agevolati dalla legislazione regionale o nazionale.
Leasing: ordinari ed agevolati.
Fondo Nazionale di garanzia: A copertura di finanziamenti concessi dagli istituti bancari/finanziari, attraverso il Fondo di Garanzia per le PMI (L.662/96)
Finanziamenti bancari diretti.
 
SICUREZZA e SALUTE sui LUOGHI DI LAVORO
(D.Lgs.81/08 e succ. mod.)
Redazione del Documento di Valutazione dei Rischi.
Organizzazione e gestione del Servizio di Prevenzione e Protezione aziendale.
Assunzione incarico di Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione.
Corsi di formazione per Datori di Lavoro, Lavoratori e Rappresentanti dei Lavoratori, Addetti alla gestione delle Emergenze Incendio, Evacuazione e Primo Soccorso aziendale.
Redazione di Piani di gestione delle Emergenze.
Nomina del Medico Competente e attività di Sorveglianza Sanitaria.
SICUREZZA SUI CANTIERI (D.Lgs.81/08)
Assunzione incarico di Coordinatore per la Progettazione e per l’ Esecuzione.
Elaborazione del Piano di Sicurezza e Coordinamento Cantieri.
Elaborazione del Piano Operativo di Sicurezza e del P.i.M.U.S. (uso ponteggi)
Corsi di Formazione per Addetti Ponteggi.
Corsi di formazione per Addetti conduzione Macchine Operatrici di Cantiere
IGIENE INDUSTRIALE
Misurazioni Strumentali e Relazioni Tecniche per quanto riguarda :
Rumore – Microclima – Illuminazione – Campi Elettromagnetici
QUALITA’ e AMBIENTE
Progettazione e implementazione di Sistemi di Gestione per la Qualità e Sistemi Ambientali, in conformità alle Norme UNI EN ISO 9001:2008 -UNI EN ISO 14001: 2004
Analisi della Organizzazione aziendale ed elaborazione della documentazione prevista (Manuale, Analisi Ambientale Iniziale, Procedure e istruzioni Operative;
Assistenza nella implementazione delle procedure di Sistema
Assistenza nell’iter di certificazione a cura dell’Ente terzo.
SICUREZZA ed IGIENE DEGLI ALIMENTI
Elaborazione di Manuali per l’Autocontrollo basati sul principio dell’HACCP –
Corsi di Formazione per gli Operatori, in materia di igiene degli alimenti.
FORMAZIONE
 “Innovazione e Sviluppo” opera nel settore della formazione direttamente o attraverso convenzioni con primari Enti Accreditati presso la Regione Calabria nelle tipologie formazione continua e superiore, in possesso della Certificazione di Qualità Conforme alla norma ISO 9001:2008 e accreditate AICA. Il Consorzio è in grado di supportare le imprese in relazione all’intero percorso di sviluppo delle risorse umane aziendali, mettendo a disposizione la propria esperienza oramai consolidata nell’analisi dei fabbisogni formativi, nell’ideazione, progettazione , avvio e realizzazione di attività di formazione cofinanziata con fondi erogati dalla Regione Calabria, dal Ministero del Lavoro, dal Fondo Sociale Europeo e Fondi Paritetici Interprofessionali:
– attività formative di qualificazione e aggiornamento tecnologico nei settori specifici;
– attività formative sulle tematiche della qualità, dell’ambiente e sulla sicurezza e igiene del lavoro;
– attività formative dirette alla qualificazione delle risorse umane
“Innovazione e Sviluppo” opera inoltre in collaborazione con i principali Enti di Categoria ed Enti Bilaterali nell’ambito della formazione privata, in particolare i corsi liberi finalizzati al rilascio di attestazioni e qualifiche in convenzione con le Istituzioni Provinciali, come ad esempio:
Operatore commerciale del settore alimentare e della somministrazione di alimenti e bevande.
Agente affari in mediazioni immobiliare.
Addetto ai servizi di controllo delle attività di intrattenimento e spettacolo.
--
www.innovazionesviluppo.it | contact
--

If you’re not interested any more » unsubscribe

Autoimpiego (D.Lgs 185/2000 Tit. II)

Lavoro Autonomo (in forma di ditta individuale).

Investimenti previsti non superiori a € 25.823

 

Chi può richiedere le agevolazioni

 

Questa agevolazione è rivolta a persone fisiche che intendono avviare un’attività di lavoro autonomo in forma di ditta individuale.

Per presentare la domanda i proponenti devono essere in possesso dei seguenti requisiti:

  • maggiorenne alla data di presentazione della domanda
  • non occupato alla data di presentazione della domanda
  • residente nel territorio nazionale alla data del 1 gennaio 2000 oppure da almeno sei mesi alla data di presentazione della domanda, nel rispetto della normativa comunitaria e nazionale vigente in materia.

Anche la sede legale e operativa dell’attività deve essere ubicata nel territorio nazionale.

 

Cosa si può fare

Le iniziative agevolabili possono riguardare qualsiasi settore (produzione di beni, fornitura di servizi, commercio).

Non sono agevolabili le attività che si riferiscono a settori esclusi dal CIPE o da disposizioni comunitarie.

In particolare sono escluse:

  • Produzione primaria di prodotti agricoli di cui all’allegato I del Trattato CE
  • Pesca e acquacoltura

Sono inoltre esclusi gli aiuti destinati all’acquisto di veicoli per il trasporto di merci su strada da parte di imprese che effettuano trasporto di merci su strada per conto terzi.

L’investimento complessivo non può superare i 25.823 Euro IVA esclusa.

L’attività finanziata deve essere svolta per un periodo di almeno 5 anni a decorrere dalla data di delibera di ammissione alle agevolazioni.

 

Quali sono le agevolazioni

Le agevolazioni previste sono di due tipi:

  1. agevolazioni finanziarie, per gli investimenti e per il 1° anno di gestione
  2. servizi di sostegno nella fase di realizzazione e di avvio dell’iniziativa

1. Le agevolazioni finanziarie

Le agevolazioni finanziarie concedibili sono:

  • per gli investimenti, un contributo a fondo perduto e un finanziamento a tasso agevolato, a copertura del 100% degli investimenti ammissibili
  • per la gestione, un contributo a fondo perduto.

Il finanziamento a tasso agevolato per gli investimenti è pari al 50% del totale delle agevolazioni finanziarie concedibili, e non può superare l’importo di 15.494 €.

Il tasso di interesse è pari al 30% del tasso di riferimento vigente alla data di stipula del contratto di finanziamento in base alla normativa comunitaria.
Il finanziamento a tasso agevolato è restituibile in cinque anni, con rate trimestrali costanti posticipate.

Il contributo a fondo perduto per gli investimenti è pari alla differenza tra gli investimenti (ritenuti ammissibili) e l’importo del finanziamento a tasso agevolato.

Il contributo a fondo perduto per le spese di gestione del 1° anno non può superare l’ammontare massimo di € 5.164,57

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...