AIDA informa

 images

Asse 4 – Qualità della Vita e Inclusione Sociale – Progetto integrato di Sviluppo Regionale (PISR) “Legalità e Sicurezza in Calabria” – Linea di Intervento 4.3.1.3 Azioni di sostegno alle imprese per migliorare le condizioni di sicurezza

 

19/08/2013 – PISR “Legalità e Sicurezza in Calabria”, approvata l’azione per migliorare le condizioni di sicurezza nelle imprese

 

Riferimento normativo: Delib.G.R. 18 giugno 2013, n. 223, Regione Calabria

La Regione Calabria ha reso disponibile il documento Progetto integrato di Sviluppo Regionale (PISR) “Legalità e Sicurezza in Calabria”, finalizzato, tra l’altro, in attuazione della linea di intervento 4.3.1.3 del P.O.R. FESR 2007-2013, a sostenere gli investimenti delle piccole e medie imprese industriali, artigianali e di servizi, commerciali e turistiche, esposte a rischio di criminalità, per l’installazione di impianti di allarme e dispositivi di sicurezza.

 

La selezione per la concessione degli aiuti avverrà attraverso indizione di Avviso pubblico.

Le risorse a disposizione per l’attuazione dell’azione in oggetto ammontano a € 5.893.067,00.

Ciascuna PMI, sia che partecipi in forma singola sia che partecipi attraverso un raggruppamento (consorzio) può presentare un unico progetto per ogni propria sede operativa.

Sono ammissibili, a titolo non esaustivo, le seguenti tipologie di spesa sostenute, successivamente alla data di presentazione della domanda, presso la sede operativa interessata dall’intervento:

– spese per la realizzazione di impianti di allarme e di antifurto;

– spese per la realizzazione di impianti mirati a garantire collegamenti in video a colori e con memoria degli eventi, diretti con le forze dell’ordine per la visualizzazione della rapina in atto, anche in presenza di istituti di vigilanza;

– spese per la realizzazione di sistemi di antifurto e di antintrusione elettronici collegati anche ad istituti di vigilanza;

– spese per la installazione di Sistemi passivi per la protezione dei locali quali: casse a tempo, blindature, lettore carte di credito, lettori di monete cartacee, porte blindate;

– spese per la realizzazione di sistemi antincendio anche trasportabili.

Non sono ammissibili interventi di edilizia se non strettamente legati all’istallazione.

Le agevolazioni, corrisposte nella forma di contributo in conto capitale, sono concesse a titolo de minimis ai sensi del Reg. (CE) n. 1998/2006, in misura pari ai 75% dell’importo complessivo dell’intervento.

Il contributo massimo concedibile è pari a € 8.000,00 per ogni intervento oggetto di agevolazione presentato da una singola impresa per ogni sede operativa di propria competenza. Tale limite è elevato a € 20.000,00 per interventi proposti da raggruppamenti di imprese all’uopo costituiti in forma giuridica di consorzi.

Per sede operativa si intende una unità locale nel territorio regionale calabrese, che risulti da certificato d’iscrizione presso la C.C.I.A.A. competente per territorio, adibita allo svolgimento effettivo dell attività di impresa e sede degli investimenti oggetto dell’istanza.

Il calcolo delle agevolazioni è effettuato in sede istruttoria a conclusione dell’esame di ammissibilità e congruità delle spese. L’ammontare delle agevolazioni viene rideterminato a conclusione del Piano di investimento, sulla base delle spese effettivamente sostenute. 

Il Centro Ricerche Astrea dispone di soluzioni per l’antincendio consistenti in microsensori di temperatura e rilevatori di fiamma.

 

14

 

 

Sistema autonomo a basso consumo. Il sistema è caratterizzato dal funzionamento in modo autonomo con un bassissimo consumo energetico grazie al suo funzionamento in “Energy Harvesting” che consente di sfruttare l’energia di alimentazione da un micro pannello solare di cui ogni sensore è dotato. Inoltre questi sistemi sono dotati di comunicazione a radio frequenza in grado di trasmettere a distanza le informazione acquisite dai sensori a bordo, è perciò possibile creare una rete di sensori, funzionanti in modo autonomo e con una autonomia molto elevata grazie all’energia solare.

2  3411

Nel sistema illustrato si sono utilizzati sensori di temperatura capaci di una acquisizione della temperatura ogni 30 sec e in grado di trasmettere fino a 300 metri le informazioni ad una frequenza di 433.92 MHz. Il sistema inoltre utilizza un ricevitore in grado di ricevere le informazioni di temperatura da 10 sensori differenti, ognuno caratterizzato da un codice identificativo, e di fornire all’utente le informazioni riguardante ciascun sensore. Il ricevitore è caratterizzato da un luminoso display touch-screen che permette di navigare nelle varie interfacce presenti. Inoltre il sistema è corredato di un software, interamente sviluppato in azienda, che oltre alla visualizzazione dei dati di temperatura acquisiti, consente di monitorare la temperatura di un preciso sensore di interesse e di settare il livello limite di temperatura oltre il quale il sistema avvisa l’utente con un feedback visivo e sonoro. Inoltre è prevista una porta USB mediante la quale è possibile caricare la batteria del ricevitore e inoltre consente di scaricare sul PC tutta la storia  delle informazioni di temperatura di un dato sensore di interesse. 

 

 

Sistema Flame Detector.

16Il Flame Detector risponde alla presenza di fiamma, avverte radiazione ultravioletta proveniente direttamente dallo spettro della fiamma. Il rivelatore fiamma ha lo scopo di monitorare in tempo reale l’inizio di un incendio e di rilevarlo in modo rapido. E’ previsto di una sensibilità regolabile in base all’esigenza dell’utente in termini di rapidità di rilevazione della fiamma. I rilevatori hanno la possibilità di formare una rete per monitorare un intero edificio o in impianti di produzione, istallando ognuno di essi nelle varie aree ritenute a rischio incendio. La comunicazione avviene via radio, senza la necessità di messa in posa di cavi aggiuntivi.

Il sensore UV è sensibile alla radiazione ultravioletta emessa dalla fiamma. Ha una gamma molto ristretta di sensibilità da 185 nm a 300 nm ed è completamente insensibile alla luce visibile. Il sistema è composto da tre blocchi fondamentali: rilevatore, Gateway, e router; necessari per l’implementazione della rete, permettendo di monitorare in real-time i singoli ambienti. Questo è possibile grazie ad un software che consente la gestione locale e remota di tutto il sistema. I moduli rilevatori possono essere alimentati tramite una comune rete elettrica o per mezzo di batterie ricaricabili, quest’ultima configurazione è resa possibile da un basso consumo del rilevatore stesso.

 

——————————————–

 

Asse 4 – Qualità della Vita e Inclusione Sociale – Progetto integrato di Sviluppo Regionale (PISR) “Legalità e Sicurezza in Calabria” – Linea di intervento 4.3.1.2 Realizzazione dei Contratti Locali di Sicurezza
19/08/2013 – Prevista per il prossimo mese di settembre la pubblicazione dell’Avviso per la realizzazione dei Contratti Locali di Sicurezza (CLS)
Riferimento normativo: Informativa, Regione Calabria
La Regione Calabria, informa che, in linea con la Delib.G.R. 18 giugno 2013, n. 223, Progetti Integrati Sviluppo Regionale (PISR) “Legalità e Sicurezza”, nel prossimo mese di settembre sarà pubblicato l’Avviso per la realizzazione dei Contratti Locali di Sicurezza (CLS), in attuazione del P.O.R. F.E.S.R. 2007/2013 – Linea di Intervento 4.3.1.2.
I Contratti Locali di Sicurezza sono previsti dalla L.R. 10 gennaio 2007 n. 5 quali azioni atte a promuovere la realizzazione di interventi integrati a livello territoriale per migliorare i livelli di sicurezza e legalità delle comunità locali.
Il Contratto locale di sicurezza viene adottato come strumento da riferire all’ambito territoriale provinciale. Pertanto, verranno promossi cinque Contratti Locali di Sicurezza, uno per ciascun territorio provinciale.
Sono ammessi alla presentazione dei CLS Comuni singoli o associati, Province, Comunità Montane, Associazioni legalmente costituite per la valorizzazione del territorio, Organizzazioni di Categoria, Consorzi fra imprenditori, Istituzioni scolastiche, Organizzazioni operanti nel privato sociale, Imprese.
I soggetti pubblici e privati che intendono promuovere, per ciascuna provincia, un Contratto Locale di Sicurezza devono costituire un Partenariato di Progetto e sottoscrivere un Protocollo d Intesa, elaborato sulla base deilo schema fornito dalla Regione.
La sottoscrizione del Protocollo d’intesa costituisce il presupposto per la valida costituzione del Partenariato e l’accesso alla fase di ammissione e selezione del CLS.
Le tipologie di operazioni ammissibili nell’ambito dei Contratti Locali di Sicurezza, sono le seguenti:
– realizzazione, sistemazione e attrezzatura di aree verdi in stato di degrado, destinati a diventare luoghi di aggregazione sociale e aree per lo sport e il tempo libero;
– realizzazione, riqualificazione, adattamento e/o allestimento di locali pubblici da adibire a laboratori e ad attività sociali e culturali;
– realizzazione o adattamento di immobili da adibire a laboratori e/o aree attrezzate per piccole iniziative imprenditoriali con priorità a locali di proprietà pubblica non utilizzati o confiscati alla criminalità organizzata;
– realizzazione di impianti tecnologici per rendere più sicuri i luoghi pubblici e/o di sistemi di video sorveglianza del territorio e di allarme per gli illeciti ambientali;
– incentivi in de minimis per l’avvio di micro iniziative imprenditoriali che utilizzano i beni immobili confiscati e/o di proprietà pubblica non utilizzati.
Le risorse per ciascun Contratto Locale di Sicurezza Provinciale risultano ripartite come segue:
Contratti Locali di Sicurezza 

 

 

Province  Riparto risorse Riserva progetti Beni Confiscati
Provincia di Catanzaro euro 6.009.834,03 euro 2.215.119,37
Provincia di Cosenza euro 8.293.426,54 euro 3.056.811,50
Provincia di Reggio Calabria euro 7.906.546,89 euro 2.914.214,45
Provincia di Crotone euro 4.124.516,90 euro 1.520.224,55
Provincia di Vibo Valentia euro 4.589.276,19 euro 1.691.526,67
TOTALE euro 30.923.600,54  euro 11.397.896,54 
Il costo complessivo delle operazioni di ciascuna proposta di CLS, fermo restando che il finanziamento avverrà entro i limiti della dotazione finanziaria di ciascun CLS, potrà essere pari sino al doppio delle somme assegnate a ciascun CLS e, comunque, dovrà essere non minore di 1,5 volte la suddetta somma.
In applicazione del principio di concentrazione finanziaria degli interventi saranno considerate ammissibili le singole operazioni con un finanziamento richiesto uguale o superiore a 50.000 euro.
La presentazione dei progetti (Contratti Locali di Sicurezza) dovrà avvenire entro il 90° giorno successivo alla pubblicazione dell’invito sul BURC.
La proposta di CLS descriverà le caratteristiche territoriali, economiche, sociali e strutturali, il contesto di riferimento del Progetto Integrato, l’idea forza che lo sostiene, le strategie di attuazione e gli obiettivi connessi, le operazioni da realizzare, il modello di governance organizzativo e gestionale che assicura l’attuazione omogenea degli interventi e l’effettiva realizzazione degli obiettivi del CLS.
Verranno altresì descritte le tipologie di investimenti necessari alla realizzazione dei CLS da considerarsi ai fini della concessione delle incentivazioni in regime “de minimis”.

 

Per informazioni telefona allo 0968.1901766 o invia una e-mail a:info@innovazionesviluppo.it

 

I Servizi di Innovazione e Sviluppo

 INCENTIVI PER PROGRAMMI DI INVESTIMENTO

Consulenza, analisi di fattibilità economico finanziaria, predisposizione di piani d’impresa finalizzati alla richiesta di incentivi per programmi di investimento:
D.Lgs.185/00 “Autoimprenditorialità”: agevolazioni a fondo perduto, mutuo agevolato e conto gestione, per la creazione e lo sviluppo di imprese costituite da giovani nelle aree depresse attraverso:
Capo I – Produzione di beni nei settori dell’agricoltura, dell’industria o dell’artigianato e fornitura di servizi a favore delle imprese.Investimenti previsti non superiori a € 2.582.000
Capo II – Fornitura di servizi nei settori della fruizione dei beni culturali, del turismo, della manutenzioni di opere civili e industriali, della tutela ambientale, dell’innovazione tecnologica, dell’agricoltura e della trasformazione e commercializzazione dei prodotti agroindustriali.Investimenti previsti non superiori a € 516.000
Capo IV – Produzione di beni in agricoltura, industria e artigianato e fornitura di servizi a favore delle imprese realizzate da Cooperative sociali di tipo b). Investimenti previsti non superiori a € 516.000.
D.Lgs.185/00 “Autoimpiego”: inserimento nel mondo del lavoro di soggetti privi di occupazione attraverso la creazione di imprese di piccola dimensione nelle aree economicamente svantaggiate attraverso:
Lavoro Autonomo (ditta individuale). Investimenti fino a € 25.823
Microimpresa (società di persone). Investimenti fino a € 129.114
Franchising (ditta individuale o società).
Contratto di sviluppo: Realizzazione investimenti di rilevanti dimensioni, da 7,5 a 30 milioni di euro.
L.215/92: azioni a favore dell’imprenditoria femminile.
POR Regione Calabria: Programmi di investimenti agevolati a valere sulle misure del POR, attraverso bandi della Regione Calabria, Comunità Montane, GAL, Camere di Commercio ed altri Enti Intermedi.
PSR Calabria: Programmi di investimenti agevolati a valere sulle misure del PSR Regionale nel settore agricoltura.
FINANZA ORDINARIA
Finanziamenti a tasso di mercato in Euro o valuta.
Cofinanziamenti: finanziamenti a copertura del piano finanziario di investimenti agevolati dalla legislazione regionale o nazionale.
Leasing: ordinari ed agevolati.
Fondo Nazionale di garanzia: A copertura di finanziamenti concessi dagli istituti bancari/finanziari, attraverso il Fondo di Garanzia per le PMI (L.662/96)
Finanziamenti bancari diretti.
 
SICUREZZA e SALUTE sui LUOGHI DI LAVORO
(D.Lgs.81/08 e succ. mod.)
Redazione del Documento di Valutazione dei Rischi.
Organizzazione e gestione del Servizio di Prevenzione e Protezione aziendale.
Assunzione incarico di Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione.
Corsi di formazione per Datori di Lavoro, Lavoratori e Rappresentanti dei Lavoratori, Addetti alla gestione delle Emergenze Incendio, Evacuazione e Primo Soccorso aziendale.
Redazione di Piani di gestione delle Emergenze.
Nomina del Medico Competente e attività di Sorveglianza Sanitaria.
SICUREZZA SUI CANTIERI (D.Lgs.81/08)
Assunzione incarico di Coordinatore per la Progettazione e per l’ Esecuzione.
Elaborazione del Piano di Sicurezza e Coordinamento Cantieri.
Elaborazione del Piano Operativo di Sicurezza e del P.i.M.U.S. (uso ponteggi)
Corsi di Formazione per Addetti Ponteggi.
Corsi di formazione per Addetti conduzione Macchine Operatrici di Cantiere
IGIENE INDUSTRIALE
Misurazioni Strumentali e Relazioni Tecniche per quanto riguarda :
Rumore – Microclima – Illuminazione – Campi Elettromagnetici
QUALITA’ e AMBIENTE
Progettazione e implementazione di Sistemi di Gestione per la Qualità e Sistemi Ambientali, in conformità alle Norme UNI EN ISO 9001:2008 -UNI EN ISO 14001: 2004
Analisi della Organizzazione aziendale ed elaborazione della documentazione prevista (Manuale, Analisi Ambientale Iniziale, Procedure e istruzioni Operative;
Assistenza nella implementazione delle procedure di Sistema
Assistenza nell’iter di certificazione a cura dell’Ente terzo.
SICUREZZA ed IGIENE DEGLI ALIMENTI
Elaborazione di Manuali per l’Autocontrollo basati sul principio dell’HACCP –
Corsi di Formazione per gli Operatori, in materia di igiene degli alimenti.
FORMAZIONE
 “Innovazione e Sviluppo” opera nel settore della formazione direttamente o attraverso convenzioni con primari Enti Accreditati presso la Regione Calabria nelle tipologie formazione continua e superiore, in possesso della Certificazione di Qualità Conforme alla norma ISO 9001:2008 e accreditate AICA. Il Consorzio è in grado di supportare le imprese in relazione all’intero percorso di sviluppo delle risorse umane aziendali, mettendo a disposizione la propria esperienza oramai consolidata nell’analisi dei fabbisogni formativi, nell’ideazione, progettazione , avvio e realizzazione di attività di formazione cofinanziata con fondi erogati dalla Regione Calabria, dal Ministero del Lavoro, dal Fondo Sociale Europeo e Fondi Paritetici Interprofessionali:
– attività formative di qualificazione e aggiornamento tecnologico nei settori specifici;
– attività formative sulle tematiche della qualità, dell’ambiente e sulla sicurezza e igiene del lavoro;
– attività formative dirette alla qualificazione delle risorse umane
“Innovazione e Sviluppo” opera inoltre in collaborazione con i principali Enti di Categoria ed Enti Bilaterali nell’ambito della formazione privata, in particolare i corsi liberi finalizzati al rilascio di attestazioni e qualifiche in convenzione con le Istituzioni Provinciali, come ad esempio:
Operatore commerciale del settore alimentare e della somministrazione di alimenti e bevande.
Agente affari in mediazioni immobiliare.
Addetto ai servizi di controllo delle attività di intrattenimento e spettacolo.
--
www.innovazionesviluppo.it | contact
--

If you’re not interested any more » unsubscribe

Autoimpiego (D.Lgs 185/2000 Tit. II)

Lavoro Autonomo (in forma di ditta individuale).

Investimenti previsti non superiori a € 25.823

 

Chi può richiedere le agevolazioni

 

Questa agevolazione è rivolta a persone fisiche che intendono avviare un’attività di lavoro autonomo in forma di ditta individuale.

Per presentare la domanda i proponenti devono essere in possesso dei seguenti requisiti:

  • maggiorenne alla data di presentazione della domanda
  • non occupato alla data di presentazione della domanda
  • residente nel territorio nazionale alla data del 1 gennaio 2000 oppure da almeno sei mesi alla data di presentazione della domanda, nel rispetto della normativa comunitaria e nazionale vigente in materia.

Anche la sede legale e operativa dell’attività deve essere ubicata nel territorio nazionale.

 

Cosa si può fare

Le iniziative agevolabili possono riguardare qualsiasi settore (produzione di beni, fornitura di servizi, commercio).

Non sono agevolabili le attività che si riferiscono a settori esclusi dal CIPE o da disposizioni comunitarie.

In particolare sono escluse:

  • Produzione primaria di prodotti agricoli di cui all’allegato I del Trattato CE
  • Pesca e acquacoltura

Sono inoltre esclusi gli aiuti destinati all’acquisto di veicoli per il trasporto di merci su strada da parte di imprese che effettuano trasporto di merci su strada per conto terzi.

L’investimento complessivo non può superare i 25.823 Euro IVA esclusa.

L’attività finanziata deve essere svolta per un periodo di almeno 5 anni a decorrere dalla data di delibera di ammissione alle agevolazioni.

 

Quali sono le agevolazioni

Le agevolazioni previste sono di due tipi:

  1. agevolazioni finanziarie, per gli investimenti e per il 1° anno di gestione
  2. servizi di sostegno nella fase di realizzazione e di avvio dell’iniziativa

1. Le agevolazioni finanziarie

Le agevolazioni finanziarie concedibili sono:

  • per gli investimenti, un contributo a fondo perduto e un finanziamento a tasso agevolato, a copertura del 100% degli investimenti ammissibili
  • per la gestione, un contributo a fondo perduto.

Il finanziamento a tasso agevolato per gli investimenti è pari al 50% del totale delle agevolazioni finanziarie concedibili, e non può superare l’importo di 15.494 €.

Il tasso di interesse è pari al 30% del tasso di riferimento vigente alla data di stipula del contratto di finanziamento in base alla normativa comunitaria.
Il finanziamento a tasso agevolato è restituibile in cinque anni, con rate trimestrali costanti posticipate.

Il contributo a fondo perduto per gli investimenti è pari alla differenza tra gli investimenti (ritenuti ammissibili) e l’importo del finanziamento a tasso agevolato.

Il contributo a fondo perduto per le spese di gestione del 1° anno non può superare l’ammontare massimo di € 5.164,57

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...