Cambio di colori nella Piana di Gioia Tauro

 

Quando ancora non c’era l’autostrada e le macchine camminavano lungo una nazionale che costeggiava il mare da una parte e le montagne dall’altra i colori che dominavano il paesaggio andando per la tirrenica erano il nero e l’arancio. Sotto i maestosi alberi di olivi della Piana crescevano gli aranci e l’odore della zagara nelle giornate di primavera  accompagnava lungo il  viaggio.

Poi comparve l’autostrada, gli extra comunitari  e l’euro.

La strana alchimia economica che avrebbe dovuto farci sentire tutti figli della bella Europa svuotò le tasche dei lavoratori ed il costo del lavoro cresceva mentre quello dei prodotti agricoli  si deprezzava….

……. ma gli extracomunitari lavoravano in nero e le arance si raccoglievano …..

….quando le arance non furono più commercialmente appetibili si estirparono e si piantarono kiwi…

Nella Piana comparve il verde

……ma il mais ha un buon prezzo…

….ed avremo quindi il giallo tra i colori della Piana?

 

 

Annunci

2 pensieri su “Cambio di colori nella Piana di Gioia Tauro

  1. angelica

    Ma questi cambiamenti non sono sintomi abbastanza palesi di una politica economica che non tutela la nostra produzione agricola? Certo,meglio cambiare che il deserto agricolo!ma non si può non vedere il tentativo disperato di chi “annaspa” per salvarsi da un mare di guai. Aida

    Mi piace

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...