Ferdinando Piccolo

Ferdinando Piccolo è un calabrese di 23 anni  studente del corso di Giornalismo all’Università di Messina, scrive per il Quotidiano, e, nella sua duplice veste di calabrese che ama la sua terra e di giornalista ha scritto della ‘ndrangheta, male antico della Calabria.

AIDA crede che non ci sia un calabrese che non sappia della ‘ndrangheta, della sua organizzazione militare, dei suoi rapporti malati con i santi che erge a suoi protettori, di Polsi e delle riunioni che in questo luogo si tengono ogni anno a conferma di patti mafiosi sanciti sotto l’egida della Madonna di fronte alla cui immagine si inginocchiò persino un torello.

Tutto questo lo sa la gente e lo sa lo Stato.

Ma lui, Ferdinando Piccolo, di tutto questo ha scritto su un giornale ed ha rinverdito la memoria di chi  credeva che la storia dei tre cavalieri fosse passata nella fase del dimenticatoio ed ha riportato davanti alle nostre coscienze la situazione dei connubi che hanno fatto di una terra bellissima, la nostra Calabria, una terra di violenza, di malaffare , di assenteismo dello Stato .

La ‘ndrangheta ha bisogno del silenzio delle coscienze civili per portare a termine i suoi progetti criminosi e quindi  chi osa fare una breccia in questo muro va intimidito.

I silenzi dello Stato pesano sulle coscienze di chi di mafia soffre, di mafia ha visto segnare a lutto la sua casa!

SILENZIO  è la strada percorsa dalla mafia.

Intimidazione e morte sono le armi usate dalla mafia per punire chi osa infrangere la regola del SILENZIO imposta  dalla ndrangheta.

Ferdinando Piccolo  è stato intimidito così come lo sono stato altri giornalisti che hanno scritto la verità sulla ‘ndrangheta e su quei connubi che hanno permesso alla ‘ndrangheta di lievitare assurgendo ad Antistato sempre presente sul territorio.

Ma la Calabria non è solo  ‘ndrangheta, la Calabria è  terra di giovani che vogliono riappropriarsi dei destini del loro futuro, è la terra di giovani onesti e coraggiosi come lo è Ferdinando Piccolo, è la terra di tutti quei giovani che insieme a lui dicono NO al malaffare ed a ogni connubio mafia-stato-politica.

Non dimentichiamo che il partner più importante della mafia è lo Stato perché è con lui, con lo Stato, che la mafia fa i suoi affari importanti infatti la  forza della ‘grangheta nasce dalla sua economia, parallela e sotterranea al modello di economia statale.

“…….Con un utile annuo pari a 90 miliardi di euro, una cifra equivalente a cinque manovre finanziarie o, se si preferisce, alla somma di otto “tesoretti”, l'”azienda mafiosa” si classifica al primo posto nella classifica dell’imprenditoria italiana. Un primato difficile da spodestare, dato che il giro d’affari che ruota intorno a sfruttamento della prostituzione, traffico di droga e armi, estorsione, rapine e usura non sembra conoscere crisi………..”Uno degli elementi che colpisce maggiormente – sottolinea il documento – è l’espansione della cosiddetta “collusione partecipata”, un fenomeno che investe il gotha della grande impresa italiana, soprattutto quella impegnata nei grandi lavori pubblici. Gli imprenditori preferiscono venire a patti con la mafia piuttosto che denunciare i ricatti”.

AIDA è accanto  a Ferdinando Piccolo nella lotta alla ‘ndrangheta.

Annunci

5 pensieri su “Ferdinando Piccolo

  1. michele

    Siamo tutti con Ferdinando,o meglio nontutti perchè in molti non hanno ancora preso coscienza della situazione che c’è in Calabria,e sarebbe bene che facessero un attimino di mente locale perchè sono convinto a questo punto che poca gente si è resa conto che è veramente drammatica;con queto non voglio offendere nessuno,lungi da me questa intenzione ma è veramente ora chenoi TUtti ci riappropriamo della nostra dignità e dei nostri diritti affiancando persone come Ferdinando Piccolo e associazioni come Aida,augurandoci che anche le Autorità ci aiutino sempre di più.

    Mi piace

    Rispondi
  2. michele

    Anche questo è vero Pagliantini,allora diciamo che sarebbe bene non lasciare mai da soli chi come lui e Aida opera per una Calabria migliore e augurarci di essere sempre più numerosi e magari convincere al più presto chi ancora non ha preso coscienza del problema.

    Mi piace

    Rispondi
  3. angelica

    Prendiamo coscienza che la mafia non è più da lungo tempo rappresentata da quel tizio con la “berritta” sulla testa ed un fucile a canne mozze sulle spalle, appostato dietro un albero e pronto ad un regolamento di conti,oggi la mafia veste firmato, viaggia su macchine lussuose,sta nei centri di potere del nostro tessuto sociale perchè la mafia è stato, è politica,è finanza e solo noi con l’arma del voto possiamo cambiare lo status attuale.Non mischiamo la nostra voglia di cambiamento con i bla….bla…..bla dei prezzolati della legalità, con chi promette e sa di mentire con chi predica bene e razzola male, con chi non vede, non sente, non parla e ingrassa su compiacenti silenzi.Ritroviamo l’orgoglio,la dignità, il coraggio dei nostri padri e diciamo No alla mafia anche di fronte alla consapevolezza che lo Stato ha spesso abbandonato le vittime della mafia alla solidudine sociale. Angelica

    Mi piace

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...