IL CEMENTO : malattia del secolo

Il male più grave del nostro tempo si chiama cemento, malattia  ampiamente sostenuta dalla politica.

Il cemento, che dopo la seconda guerra mondiale fu elemento di ripresa economica, durante  gli anni ’50 e ’60 diventò gene impazzito delle varie politiche facendo degenerare tutto il nostro territorio in  una crescita incontrollata, disordinata e pericolosa  .

Durante una intervista,Edoardo Salzano, autorevole urbanista italiano, ebbe a dire il 30 luglio del 2009:”…i paesi civili frenano il cemento, qui il governo lo incentiva”

In Italia, l’urbanizzazione manca di pianificazione e di opportuni accertamenti geologici preventivi, per cui si è costruito persino nelle aree di esondazione dei fiumi,  da tutto ciò non può che derivarne disastri ambientali ed ingovernabilità delle acque.

La cementificazione incontrollata  ha stravolto il nostro eco-sistema, ha costretto molti animali ad  abbandonare gli abituali luoghi di nidificazione,  ha distrutto la vivibilità dei centri urbani, ha distrutto il verde, ha interrotto gli scambi fra le acque dei fiumi e le acque sotterranee riducendo la quantità d’ossigeno disciolta nell’acqua.

La cementificazione incontrollata è causa di disastri ambientali

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...